Papa Francesco, la fede ci spinge a dedicarci alla difesa della dignità umana

Il Papa ha ricordato la liberazione di Padre Maccalli e ha pregato per la pace in Libia

Papa Francesco all' Angelus
Foto: Vatican Media
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Gli interlocutori di Gesù sono convinti che non ci sia un’alternativa alla loro interrogazione: o un “sì” o un “no”. Ma Egli conosce la loro malizia e si svincola dal trabocchetto” e “si pone al di sopra della polemica”.  Papa Francesco commenta così il passo del vangelo di oggi

Il tributo a Cesare va pagato o no? Gesù  “Da una parte- dice il Papa prima della preghiera dell’ Angelus,- riconosce che il tributo a Cesare va pagato, perché l’immagine sulla moneta è la sua; ma soprattutto ricorda che ogni persona porta in sé un’altra immagine, quella di Dio, e pertanto è a Lui, e a Lui solo, che ognuno è debitore della propria esistenza”.

Il Papa ricorda quindi che “pagare le tasse è un dovere dei cittadini, come anche l’osservanza delle leggi giuste dello Stato. Al tempo stesso, è necessario affermare il primato di Dio nella vita umana e nella storia, rispettando il diritto di Dio su ciò che gli appartiene”.

Ecco allora “la missione della Chiesa e dei cristiani: parlare di Dio e testimoniarlo agli uomini e alle donne del proprio tempo. Ognuno, in forza del Battesimo, è chiamato ad essere presenza viva nella società, animandola con il Vangelo e con la linfa vitale dello Spirito Santo. Si tratta di impegnarsi con umiltà, e al tempo stesso con coraggio, portando il proprio contributo all’edificazione della civiltà dell’amore, dove regnano la giustizia e la fraternità.

Questa missione dei discepoli del Signore, in particolare dei fedeli laici, chiede di essere attuata in piena fedeltà ai valori spirituali e trascendenti, in comunione con i Pastori”.

Il Papa quindi sottolinea che lo stile di vita dei credenti non lo isolano dal mondo ma “lo rendono protagonista di un servizio d’amore in favore del bene comune. La testimonianza dei santi mostra che la fede spinge a dedicarsi generosamente, pagando di persona, alla promozione e alla difesa della dignità umana, in cui è impressa l’immagine di Dio”.

E conclude: “Maria Santissima aiuti tutti a fuggire ogni ipocrisia e ad essere cittadini onesti e costruttivi. E sostenga noi discepoli di Cristo nella missione di testimoniare che Dio è il centro e il senso della vita”.

Il Papa ha poi ricordato la Giornata Missionaria Mondiale, ogni cristiano è chiamato ad essere tessitore di fraternità ha detto chiedendo di pregare per i missionari

E ha ringraziato per la liberazione di Padre Pier Luigi Maccalli  e degli altri ostaggi.

Una preghiera anche per coloro che sono perseguitati e rapiti in varie parti del mondo.

Poi un pensiero ai pescatori fermati da più di un mese in Libia e l’affidamento a Maria Stella del Mare.  E’ giunta l’ora di fermare ogni forma di ostilità” ha detto il Papa favorendo il dialogo per la pace in Libia.

Tra i saluti quello alla comunità peruviana di Roma.

Ti potrebbe interessare