Papa Francesco: “L’amore può cambiare il mondo”

In un videomessaggio al John 17 Movement, Papa Francesco sottolinea l’importanza di camminare insieme

Papa Francesco durante un videomessaggio
Foto: Vatican Media
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Papa Francesco ne ha incontrato il fondatore già due volte, e ha già annunciato che incontrerà tutto il movimento, non appena le condizioni della pandemia lo permetteranno. Ma oggi ha voluto comunque mostrare la sua vicinanza ai membri del John 17 Movement, il movimento nato dall’intuizione di un pastore pentecostale, Joe Tosini, che ha raccolto subito molte adesioni in ambito evangelical in tutti gli Stati Uniti.

John 17 si riferisce a Giovanni 17, che è il passaggio del Vangelo dell’apostolo prediletto in cui Gesù prega “Che tutti siano uno”. L’ispirazione è venuta a Tosini, racconta lui, dopo l’elezione di Papa Francesco, quando gli venne spontaneo pregare per il Santo Padre, non essendo però lui cattolico.

Il ritiro di quest’anno è sulla “Riconciliazione Relazionale, un nuovo cammino per la riconciliazione dei cristiani” ed ha luogo a New York. Papa Francesco sottolinea che già nella veglia ecumenica di Pentecoste ha ricordato quanto lo commuova l’espressione degli atti degli Apostoli con cui definivano la prima comunità cristiana: “Guardate come si amano”.

E il movimento John 17 è “sull’amore di quanti, attorno al tavolo, prendendo un cappuccino, pranzando o mangiando un gelato, si scoprono fratelli, non per il colore, né la nazionalità, né la provenienza, né le diverse forme in cui vivono la propria fede, ma come figli di uno stesso Padre”. E – aggiunge Papa Francesco – “anche se non c’è un tavolo, anche se non c’è un cappuccino, anche se non c’è un gelato, anche se

non c’è un caffè, perché ci sono povertà e guerra, siamo comunque fratelli, e dobbiamo dircelo gli uni agli altri. Senza pensare né alla provenienza, né alla nazionalità, né al colore della pelle, siamo figli di uno stesso Padre”.

Papa Francesco sottolinea che “l’amore non ha bisogno di profonde conoscenze teologiche”, sebbene queste siano necessarie, ma è prima di tutto “un incontro di vita, prima con il Signore Gesù, con la persona di Gesù, e da lì, da questo incontro d’amore, nascono l’amicizia, la fratellanza e la certezza di essere figli dello stesso Padre”.

Papa Francesco afferma quindi che “l’amore può cambiare il mondo”, ma prima “cambia noi stessi”. E così “insieme nell’amore noi cristiani possiamo cambiare il mondo, possiamo cambiare noi stessi, perché Dio è Amore!”

Ti potrebbe interessare