Papa Francesco: “L’ecologia integrale, un nuovo campo di educazione”

Incontrando i Fratelli Maristi riuniti in conferenza generale, Papa Francesco indica nell’ecologia integrale una nuova sfida educativa, capace di intercettare i bisogni dei giovani

Papa Francesco con i Fratelli Maristi, Palazzo Apostolico Vaticano, 24 marzo 2022
Foto: Vatican Media / ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Di fronte all’interesse dei giovani per l’ecologia, e al fatto che la mentalità mondana “inquina anche l’ecologia e la rende ideologica e superficiale”, è possibile aprire un nuovo campo di educazione, fondato sull’orizzonte di Dio che “è quello di un’ecologia integrale, che tiene sempre insieme la dimensione ambientale e quella sociale, il grido della Terra e il grido dei poveri”. Lo dice Papa Francesco incontrando i Fratelli Maristi riuniti in conferenza generale.

I Fratelli Maristi delle Scuole, o Piccoli Fratelli di Maria, sono una congregazione religiosa laicale fondata da Marcellino Champagnat (1789 – 1840), che sin dal 1816, anno della sua ordinazione sacerdotale, si impegnò nel santuario di Notre-Dame de Fourviere a Lione di dare inizio ad una nuova famiglia religiosa che si facesse interprete della spiritualità mariana e contrastasse l’indifferenza religiosa. Al dicembre 2005, la Congregazione contava 4.265 fratelli in 751 case. Sono riuniti in questi giorni in Conferenza Generale, un appuntamento che si tiene ogni otto anni, per fare il punto del lavoro e guardare alle sfide future.

Il Papa sottolinea che è importante “guardare avanti”, partendo da alcuni punti fermi, e “il primo punto fermo è la Parola di Dio”. Per Papa Francesco, questo è “facile dirlo, ma non è facile farlo, specialmente quando la Parola ci chiede di guardare oltre, guardare al di là”, ovvero “al di là della mentalità mondana, al di là degli interessi di corto respiro, al di là di una prospettiva parziale, per aprirsi all’orizzonte di una fraternità universale”.

La conferenza invita proprio a “guardare al di là”, cosa che – sottolinea Papa Francesco – “non significa staccarsi dalle proprie radici”, perché “non c’è contraddizione tra fedeltà alle radici e apertura universale”, ma è anzi “proprio rimanendo fedeli fino in fondo al patto d’amore con il popolo che ci è affidato che il nostro servizio diventa fecondo per tutti, per la potenza della grazia di Dio”.

Ripercorrendo la vita del fondatore, e la sua devozione mariana, Papa Francesco afferma che non c’è niente “di più bello, di più efficace del Magnificat per educare una ragazza o un ragazzo ad aprirsi a Dio e al suo disegno d’amore”, perché questo “contiene una visione della vita e della storia; è una scuola di fede e di preghiera, che libera dalla chiusura in sé stessi e da ogni spiritualismo, e mostra la gioia di credere, di sperare e di amare secondo il Vangelo di Cristo”.

Se queste sono le radici, ci sono le nuove sfide. Ad esempio, nota Papa Francesco, “i giovani stanno dimostrando sensibilità e interesse per l’ecologia”, che è “un grande campo di educazione; perché purtroppo la mentalità mondana – permettetemi il gioco di parole – inquina anche l’ecologia, la riduce, la rende ideologica e superficiale”, mentre “l’orizzonte di Dio è quello di un’ecologia integrale, che tiene sempre insieme la dimensione ambientale e quella sociale, il grido della Terra e il grido dei poveri”.

Secondo Papa Francesco, “i bambini, i ragazzi e i giovani sono predisposti a diventare custodi del creato, ma hanno bisogno di imparare che questo non si riduce a slogan, non è soltanto denuncia, ma è uno stile di vita, richiede pazienza, fortezza, temperanza, giustizia. Insomma, non si nasce custodi del creato, ma lo si diventa con un cammino educativo. Anche questo vi appartiene”.

Papa Francesco sottolinea che questa apertura vale per l’ecologia, ma anche per l’impegno sociale e politico, la comunicazione, o anche studio e lavoro “visti in un’ottica di promozione integrale della persona”, ma soprattutto “nell’educazione spirituale, che è la base della crescita integrale”. 

Esclama Papa Francesco: “Che vocazione, che missione, fratelli, cooperare con Cristo e con lo Spirito per accompagnare i giovani in questa avventura! È davvero troppo grande per noi, poveri peccatori”. 

Conclude Papa Francesco: "È quello che auguro a voi e a tutti i vostri fratelli sparsi nel mondo. Guardare oltre per educare a guardare oltre, con Maria, sulle orme del Signore Gesù. E questa è proprio la denuncia più forte contro la concezione illuministica dell’educazione, cioè copiare idee, idee, idee... No. Educare a guardare oltre per insegnare a guardare oltre. Questo distrugge tutta la concezione statica e
illuministica, ideologica dell’educazione. L’educazione è una sfida a tutta la persona: al pensiero, ai sentimenti e al lavoro delle persone. Ma questo deve guardare oltre."

Ti potrebbe interessare