Papa Francesco: "Rispettare i diritti dei lavoratori"

Il Papa incontri i dipendenti della Santa Sede e del Governatorato per gli auguri di Natale

Papa Francesco
Foto: CNA
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Dopo gli auguri natalizi alla Curia, Papa Francesco ha incontrato come sempre i dipendenti della Santa Sede e del Governatorato.

Gesù - ha esordito il Papa - nasce "nell'amore. Lì nasce Dio, nasce dove l’amore si fa concreto, si fa vicinanza, si fa tenerezza, si fa compassione. Lì c’è Dio".

Francesco ha colto l'occasione per ribadire l'importanza - soprattutto a Natale - della vicinanza agli anziani.

Rivolgendosi alle famiglie, il Papa ha detto di pregare "perché chi ne ha più bisogno riceva il dono della serenità, personale e familiare. La pandemia ha causato molti problemi alle famiglie, problemi sia economici, sia psicologici", con riferimento specialmente ai giovani.

"Per quanto riguarda il lavoro - ha proseguito - abbiamo cercato di garantire l’occupazione; ci siamo impegnati a non lasciare nessuno senza lavoro. So che c’è stato qualche problema; spero che si possano trovare soluzioni soddisfacenti attraverso il dialogo, cercando di venirsi incontro, sempre nel rispetto dei diritti dei lavoratori e del bene comune".

Poi il riferimento a San Giuseppe e all'Anno dedicato allo sposo di Maria. "A lui potete affidare certe situazioni un po’ complicate, in cui ci si accorge che le nostre forze non bastano, che non ci sono soluzioni a portata di mano. Allora potete rivolgervi a San Giuseppe, nella preghiera. Lui è uno di poche parole – nel Vangelo non parla mai – ma di molti fatti. Un uomo che ascolta la volontà di Dio e la mette in pratica, senza tentennamenti".

I sogni di San Giuseppe - ha concluso il Papa - "non erano fantasie, allucinazioni, al contrario, erano messaggi ben aderenti alla realtà, destinati a guidare il cammino della Santa Famiglia. Erano la manifestazione della Provvidenza di Dio".

Ti potrebbe interessare