Papa Francesco scrive ai sacerdoti di Roma, nessuna circostanza è priva di grazia

Il Papa racconta che molti sacerdoti gli hanno scritto e telefonato e rilegge le angoscie della pandemia

Papa Francesco con un gruppo di sacerdoti in una udienza generale
Foto: Susanne Dedden/EWTN
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Sono diverse le tentazioni, tipiche di questo tempo, che possono accecarci e farci coltivare certi sentimenti e atteggiamenti che non permettono alla speranza di stimolare la nostra creatività, il nostro ingegno e la nostra capacità di risposta”.

Lo scrive Papa Francesco in una lunga lettera ai sacerdoti della Diocesi di Roma inviata invece della celebrazione della Messa Crismale che, scrive, non è stata possibile.

Il Papa ripercorre le emozioni e sensazioni di questi mesi di pandemia con le preoccupazioni che i sacerdoti hanno vissuto in prima persona al fianco di tanti fedeli. “Durante questo tempo di pandemia, molti di voi hanno condiviso con me, per posta elettronica o telefono, che cosa significava questa situazione imprevista e sconcertante. Così, senza poter uscire né avere un contatto diretto, mi avete permesso di conoscere “di prima mano” ciò che stavate vivendo”, scrive Francesco.

Ecco allora alcune tentazioni da combattere: “Dal voler assumere onestamente la gravità della situazione, ma cercando di risolverla solo con attività sostitutive o palliative aspettando che tutto ritorni alla “normalità”, ignorando le ferite profonde e il numero di persone cadute nel frattempo; fino al rimanere immersi in una certa paralizzante nostalgia del recente passato che ci fa dire “niente sarà più come prima” e ci rende incapaci di invitare gli altri a sognare e ad elaborare nuove strade e nuovi stili di vita”.

Ma, facendo un parallelo con la prima comunità cristiana e con la situazione dei primi apostoli dopo la Pasqua il Papa scrive: “Ogni tempo è adatto per l’annuncio della pace, nessuna circostanza è priva della sua grazia. La sua presenza in mezzo al confinamento e alle assenze forzate annuncia, per i discepoli di ieri come per noi oggi, un nuovo giorno capace di mettere in discussione l’immobilità e la rassegnazione e di mobilitare tutti i doni al servizio della comunità. Con la sua presenza, il confinamento è diventato fecondo dando vita alla nuova comunità apostolica”.

Ma quello che cambia tutto è la fede che “ci permette una realistica e creativa immaginazione, capace di abbandonare la logica della ripetizione, della sostituzione o della conservazione; ci invita ad instaurare un tempo sempre nuovo: il tempo del Signore. Se una presenza invisibile, silenziosa, espansiva e virale ci ha messo in crisi e ci ha sconvolto, lasciamo che quest’altra Presenza discreta, rispettosa e non invasiva ci chiami di nuovo e ci insegni a non avere paura di affrontare la realtà. Se una presenza impalpabile è stata in grado di scompaginare e ribaltare le priorità e le apparentemente inamovibili agende globali che tanto soffocano e devastano le nostre comunità e nostra sorella terra, non temiamo che sia la presenza del Risorto a tracciare il nostro percorso, ad aprire orizzonti e a darci il coraggio di vivere questo momento storico e singolare”.

E ai sacerdoti il Papa chiede lasciarsi sorprendere “anche dal nostro popolo fedele e semplice, tante volte provato e lacerato, ma anche visitato dalla misericordia del Signore. Che questo popolo ci insegni a plasmare e temperare il nostro cuore di pastori con la mitezza e la compassione, con l’umiltà e la magnanimità della resistenza attiva, solidale, paziente e coraggiosa, che non resta indifferente, ma smentisce e smaschera ogni scetticismo e fatalismo. Quanto c’è da imparare dalla forza del Popolo fedele di Dio che trova sempre il modo di soccorrere e accompagnare chi è caduto!”

Il compito che il Papa indica ai sacerdoti è “assumere la responsabilità per il futuro e proiettarlo come fratelli”.

Conclude il Papa: “Partecipiamo con Gesù alla sua passione, la nostra passione, per vivere anche con Lui la forza della risurrezione: certezza dell’amore di Dio capace di muovere le viscere e di uscire agli incroci delle strade per condividere “la Buona Notizia con i poveri, per annunciare la liberazione ai prigionieri e la vista ai ciechi, per dare libertà agli oppressi e proclamare un anno di grazia dal Signore” (cfr Lc 4,18-19), con la gioia che tutti possono partecipare attivamente con la loro dignità di figli del Dio vivente”.

E scrive, tutto questo serva per “amare e servire di più”.

La lettera porta la data della Pentecoste ed è firmata “ Da San Giovanni in Laterano”.

 

Ti potrebbe interessare