Papa Francesco spiega gesti e simboli del sacramento della Cresima

Papa Francesco, Udienza Generale
Foto: Daniel Ibanez, ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Papa Francesco durante l’Udienza Generale odierna continua il nuovo ciclo di catechesi sul sacramento della Confermazione, incentrando la sua meditazione sul sigillo dello Spirito. Il Pontefice spiega, passo dopo passo, i gesti e i simboli che accompagnano il cresimando nel rito del sacramento.

Prima di ricevere l’unzione spirituale che conferma e rafforza la grazia del Battesimo – osserva il Papa - i cresimandi sono chiamati a rinnovare le promesse fatte un giorno da genitori e padrini. Ora sono loro stessi a professare la fede della Chiesa, pronti a rispondere credo alle domande rivolte dal Vescovo; pronti, in particolare, a credere nello Spirito Santo”.

Francesco continua la catechesi spiegando i simboli del rito della Confermazione: “Dopo la preghiera silenziosa della comunità, il Vescovo, tenendo le mani stese sui cresimandi, supplica Dio di infondere in loro il suo santo Spirito Paraclito con i suoi doni: sapienza, intelletto, consiglio, fortezza, scienza, pietà e santo Timore”. “L’unico Spirito – commenta il Papa - distribuisce i molteplici doni che arricchiscono l’unica Chiesa: è l’Autore della diversità, ma allo stesso tempo il Creatore dell’unità”.

Poi, per meglio “esprimere l’effusione dello Spirito che pervade quanti la ricevono, si è ben presto aggiunta una unzione di olio profumato, chiamato crisma rimasta in uso fino ad oggi, sia in Oriente che in Occidente”.

Lo Spirito Santo è il dono invisibile elargito e il crisma ne è il sigillo visibile”, chiarisce il Papa. Conclude infine il Papa: “Ricevendo in fronte il segno della croce con l’olio profumato, il confermato riceve dunque una impronta spirituale indelebile, il “carattere”, che lo configura più perfettamente a Cristo e gli dà la grazia di spandere tra gli uomini il suo buon profumo”.

 

Ti potrebbe interessare