Papa Francesco, un gesuita alla guida dell’arcidiocesi di Atene

Rinuncia a 77 anni l’arcivescovo Sevastianos Rossolatos, che era anche presidente della Conferenza Episcopale Greca. Al suo posto, il gesuita Theodoros Kontidis

Padre Theodoros Kontidis, arcivescovo eletto di Atene
Foto: Youtube
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Cambio della guardia alla guida dell’arcidiocesi di Atene: l’arcivescovo Sevastianos Rossolatos, 77 anni, lascia la guida dell’arcidiocesi cui era stato nominato nel 2014, per aver raggiunto e superato l’età della pensione. Li succede padre Theodoros Kontidis, parroco di Sant’Andrea Apostolo a Patrasso.

La nomina di arcivescovo di Atene porta con sé anche quella di amministratore apostolico ad nutum Sanctae Sedis dell’arcidiocesi di Rodi, che è immediatamente soggetta alla Santa Sede. È dal 1970 che l’arcidiocesi è governata da un amministratore apostolico, e dal 1992 che è sempre l’arcivescovo di Atene.

Padre Theodoros Kontidis è dunque chiamato a guidare l’arcidiocesi della capitale greca, in un Paese a stragrande maggioranza ortodossa (i cattolici sono 200 mila su una popolazione di 11 milioni di persone) e con tutte le difficoltà connesse al dialogo con la Chiesa Ortodossa Greca.

Classe 1956, padre Kontidis ha studiato alla Gregoriana di Roma, all’Università di Lovanio e al Centre Sévres di Parigi. Entrato nella Compagnia di Gesù nel 1983, sacerdote dal 1988, ha fatto professione solenne nel 1995, ed è stato nominato responsabile della pastorale giovanile, Superiore della sua comunità religiosa ad Atene, e direttore di una rivista e di una casa per gli esercizi spirituali. Era da poco stato nominato parroco di Sant’Andrea Apostolo a Patrasso.

Prende il posto dell’arcivescovo Rossolatos, che era arcivescovo di Atene dal 2014 e presidente della Conferenza Episcopale Greca dal 2016. Nel 2015, pur non essendo arcivescovo metropolita, ha ricevuto da Papa Francesco il pallio.

Ti potrebbe interessare