Piandarca. Ci sarà una statua di San Francesco che predica agli uccelli

A maggio verrà installata una statua di San Francesco che predica agli uccelli a Piandarca.

La statua
Foto: Diocesi Assisi - Nocera Umbra - Gualdo Tadino
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

"E’ con grande gioia che accolgo la notizia del prossimo posizionamento della statua di San Francesco che predica agli uccelli a Piandarca. Questa area è ricca di significato; è un santuario a cielo aperto che vogliamo continuare a valorizzare perché simbolo di quella conversione ecologica ispirata da San Francesco nel Cantico delle Creature e ribadita dal Santo Padre nell’enciclica Laudato Sì”. Così Monsignor Domenico Sorrentino, Vescovo di Assisi - Nocera Umbra- Gualdo Tadino annuncia la realizzazione di una Statua di San Francesco intento a contemplare il Creato. L'opera è stata conferita all'artista pavese Antonio De Paoli.

Considerata la complessità dell’opera in bronzo, occorrerà attendere sino a maggio 2022 perché la statua esca dalle fonderie di Pavia per poi essere collocata a Piandarca.

Come riporta il sito San Francesco Patrono d'Italia, questo è "un luogo di assoluto silenzio, dal quale si gode un panorama molto vasto, con Assisi, il monte Subasio e Spello a est, Perugia a nord, le propaggini dei monti Martani con Collemancio a ovest e i monti di Spoleto verso sud. Quasi nel mezzo di quest’area si snoda una piccola strada, parte imbrecciata, parte in terra battuta, che la tradizione vuole sia stata percorsa da San Francesco, con frate Agnolo e frate Masseo. Una pietra di grosse dimensioni è posta ad un certo punto per indicare al visitatore press’a poco il sito -secondo quanto tramandano la memoria e la letteratura- in cui avvenne la famosa Predica agli uccelli di cui si legge al cap. XVI de “I Fioretti”.

“Tra non molto – dicono i referenti della Parrocchia Santi Matteo Apostolo e Giovanni Battista di Cannara e il Comitato per la Tutela e la Valorizzazione di Piandarca – potremo finalmente vedere la Statua nel luogo ove Francesco in quel giorno della primavera del 1221 pronunciò ‘Fratelli miei uccelli…’, l’incipit di una delle più conosciute pagine di spiritualità francescana che geni universali quali Giotto, Benozzo Gozzoli, Franz Listz hanno poi immortalato nelle loro opere”.

"La Parrocchia e il Comitato ringraziano “di tutto cuore i tantissimi donatori che da tutto il mondo hanno voluto manifestare la propria vicinanza al progetto, sia coloro che hanno contribuito con piccole somme, sia coloro che sono stati più generosi”. Attualmente sono stati raccolti circa 34.000 euro che in parte andranno a coprire i costi di realizzazione e posa in opera della statua e in parte serviranno come contributo iniziale per l’altare in pietra, sempre a cura dell’artista De Paoli, che andrà a completare l’area, dotata già di un TAU di grandi dimensioni, visibile anche di notte con una illuminazione che ne esalta lo splendore", si legge ancora sul sito della Diocesi di Assisi.

Ti potrebbe interessare