San Josemaria Escrivà de Balaguer e la formazione alla santità

E’ stato beatificato da Giovanni Paolo II e canonizzato dallo stesso Pontefice il 6 ottobre 2002.

San Josemaria Escrivà de Balaguer
Foto: Opus Dei
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Ricordare il nome di San Josemaria Escrivà de Balaguer è aprire lo scrigno della memoria ad uno dei grandi santi del Novecento.

Sacerdote e fondatore dell'Opus Dei, la sua intuizione non fu solo modernissima ma anticipò le linee guida del Concilio Vaticano II in tema di santità laicale.

Per il sacerdote spagnolo la santità è il fuoco della terra ed il sale del mondo. Non esiste un ideale così forte in grado di trascinare la realtà ed il quotidiano se non Dio.

Il 2 ottobre 1928, sentendo l'ispirazione interiore, fonda l'opera. Gli inizi in Spagna con la guerra civile in corso non sono dei più facili. Prove e difficoltà hanno seminato il bene in quel quotidiano così lontano dal nostro.

I laici inseriti nel proprio ambiente professionale: questo il nucleo centrale della spiritualità escrivariana. Il lavoro diviene centro di apostolato e non più solamente sede di relazioni giuridiche o sociali.

Sacerdoti, laici, professori, impiegati, tutti possono portare il vangelo nella società. Apostoli di quella Redenzione amata dal fondatore che per essere maggiormente libero alla voce del Padre, entra in seminario divenendo non solo presbitero ma apostolo. E' il 28 marzo 1925.

Tra le molte opere scritte Cammino illumina la vita di coloro che scelgono il santo come modello e  amico. Una serie di pensieri che accompagnano la vita quotidiana alla ricerca di Dio.

Libro bellissimo, le parole danno fede alle inquietudini del momento. Famiglia, preghiera, tribolazione, apostolato sono i titoli dell'avvincente volume che brilla nel cuore dei moltissimi fedeli che ne prendono spunto. L'opera è scritta dal futuro santo raccogliendo i pensieri che il suo cuore dettava alla penna ed al piccolo quaderno che portava dietro.

Il 14 febbraio 1943 fonda la Società sacerdotale della Santa Croce. Una realtà che offre ai presbiteri la possibilità di vivere il sacerdozio e la spiritualità dell'Opus Dei nella propria dimensione di vita.

Giunto nel  1946 a Roma dà stabilità al cammino servendo il Pontefice amato con l'affetto di un figlio. Nel 1950 l'Opera riceve l'approvazione definitiva dalla Sede Apostolica.

Moltissimi i video che ne ritraggono le catechesi e quel sorriso che ha conquistato e tutt'ora illumina la terra con il cielo.

Sacerdote di intensa spiritualità è un uomo molto gioviale e dotato di grande cultura.

Non si ferma difronte a nulla pur di annunciare la parola che salva.

Spira il 26 giugno 1975 a Roma raggiungendo il cielo, contemplato in quel mondo amato per il vangelo.

E’ stato beatificato da Giovanni Paolo II e canonizzato dallo stesso Pontefice il 6 ottobre 2002.

Ti potrebbe interessare