Santi, il Papa autorizza alcuni decreti

Papa Francesco, Udienza
Foto: Lucia Ballester, ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Papa Francesco ha ricevuto ieri in udienza il Cardinale Angelo Amato, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, autorizzando la promulgazione di alcuni decreti.

Nello specifico il Papa ha dato il via libera al riconoscimento del miracolo, attribuito all’intercessione del Beato Faustino Míguez, Sacerdote professo dell’Ordine dei Chierici Regolari Poveri della Madre di Dio delle Scuole Pie (Scolopi), Fondatore della Congregazione delle Suore Calasanziane Figlie della Divina Pastora; nato il 24 marzo 1831 e morto l’8 marzo 1925.

Riconosciuto anche il miracolo attribuito all’intercessione della Venerabile Serva di Dio Leopoldina Naudet, Fondatrice della Congregazione delle Suore della Sacra Famiglia; nata il 31 maggio 1773 e morta il 17agosto 1834.

Il Pontefice ha riconosciuto inoltre il martirio dei Servi di Dio Matteo Casals, Sacerdote professo, Teofilo Casajús, Scolastico professo, Ferdinando Saperas, Fratello professo, e 106 Compagni, della Congregazione dei Missionari Figli dell’Immacolato Cuore della Beata Vergine Maria; uccisi in odio alla fede durante la guerra civile in Spagna tra il 1936 e il 1937.

Francesco ha inoltre autorizzato il riconoscimento delle virtù eroiche del Servo di Dio Giovanni Battista Fouque, Sacerdote diocesano; nato il 12 settembre 1851 e morto il 5 dicembre 1926; le virtù eroiche del Servo di Dio Lorenzo dello Spirito Santo (al secolo: Egidio Marcelli), Religioso professo della Congregazione della Passione di Gesù Cristo; nato il 30 agosto 1874 e morto il 14 ottobre 1953; le virtù eroiche della Serva di Dio Maria Raffaella del Sacro Cuore di Gesù (al secolo: Sebastiana Lladó y Sala), Fondatrice della Congregazione delle Missionarie dei Sacri Cuori di Gesù e Maria; nata il 2 gennaio 1814 e morta l’8 marzo 1899; le virtù eroiche della Serva di Dio Clelia Merloni, Fondatrice dell’Istituto delle Apostole del Sacro Cuore di Gesù; nata il 10 marzo 1861 e morta il 21 novembre 1930; le virtù eroiche del Servo di Dio Isidoro Zorzano Ledesma, Laico, della Prelatura Personale della Santa Croce e dell’Opus Dei; nato il 13 settembre 1902 e morto il 15 luglio 1943.

Quest’ultimo è stato uno dei primi fedeli dell’Opus Dei. Come ingegnere in una compagnia ferroviaria e come professore, ha sempre saputo porre le sue capacità professionali al servizio di coloro che gli stavano accanto. Nei difficili anni che ebbero come epicentro la guerra civile spagnola, Isidoro ha aiutato il fondatore a porre le basi dell’Opera, sacrificandosi con abnegazione e trasmettendo agli altri la pace e la serenità, frutto della sua vicinanza con Dio. E’ morto dopo una dolorosa e lunga malattia che ha saputo affrontare eroicamente.

Ti potrebbe interessare