Sant'Ignazio, i gesuiti e il senso di appartenenza alla Chiesa

Sant'Ignazio di Loyola
Foto: Wikicommons pubblico dominio
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Raccontare la vita di Ignazio di Loyola(1491-1556) è un'impresa ardua: questo speciale compagno di Gesù ha affrontato differenti prove, che lo hanno portato alla piena maturità del suo incontro con il Cristo.

Il santo, a seguito dell'assedio di Pamplona, nel quale rimase per molto tempo malato e ferito ad una gamba, considerò in tale periodo di riposo forzato i pensieri su Dio e sul mondo. In queste attente considerazioni, osservò che quelli che lo tenevano per maggior tempo in consolazione e gioia erano quelli che richiamavano la sua attenzione sul servizio al Regno dei cieli. Quindi preghiera ed un bilanciamento fra pensieri, portò il grande basco a scegliere di darsi a Dio.

Qui non c'è teoria ma solo pratica. Il santo che poi insegnerà tale metodo nei suoi Esercizi Spirituali considererà sempre le componenti psicologiche ed affettive essenziali per poter arrivare ad una piena relazione con Dio.

E su tali presupposti la sua attività prenderà il largo e dopo un pellegrinaggio al Santuario di Monserrat, diversi altri in Spagna e gli studi a Parigi approderà a Roma, dove presenterà al Pontefice Paolo III, la Compagnia di Gesù che vedrà l'approvazione il 27 settembre 1540, con la bolla Regimini militantis ecclesiae.

Questo sarà il frutto più maturo dell'attività di Ignazio: creare un gruppo di uomini pronti a tutto, pur di diffondere il Vangelo nel mondo. Il 15 agosto 1534 nella cappellina di Montmartre Ignazio e gli altri sei compagni fonderanno il primo nucleo del nascente istituto. Fra questi si ricordano: San Francesco Saverio, San Pietro Favre, Diego Lainez, Simone Rodriguez, Nicolas Bobadilla,Alfonso Salmeron, Inizialmente uniti dal proposito di raggiungere la Terra Santa.

Ma chi è per Ignazio, il gesuita ? Essenzialmente un uomo deciso, eroico, santo e con un forte senso di appartenenza alla Chiesa. Per tal ragione, mise al centro della identità gesuita l'obbedienza, tipico strumento di una formazione militare, che qui assume una connotazione spiccatamente spirituale in vista del Regno dei cieli. Però, compagno di Gesù sta ad indicare molto di più: essere al servizio di Dio per la venuta del Regno dei cieli, qui sulla terra.

Anche in questa milizia però ciò che dev'essere considerato è il cuore del gesuita che prende avvio da quel sentimento di adesione alla volontà di Dio che Sant'Ignazio ci ha lasciato nei suoi scritti e nella sua esperienza, partendo proprio da quel periodo di malattia che lo ha condotto nelle braccia di Dio.

 

Ti potrebbe interessare