Sinodo, Dolan: "Su matrimonio e famiglia la base è la parola di Dio"

Il Cardinale Dolan, Arcivescovo di New York
Foto: Alan Holdren, CNA
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Mentre noi vescovi siamo qui come pastori, siamo qui anche come discepoli”. E’ l’incipit dell’intervento pronunciato dal Cardinale Timothy Dolan, arcivescovo di New York, durante i lavori delle Congregazioni generali della XIV Assemblea Ordinaria del Sinodo dei Vescovi.

Il Sinodo - sostiene il porporato statunitense - è una riunione di vescovi riuniti come discepoli. “Il punto di partenza del Sinodo deve essere ciò che Dio ci ha rivelato su matrimonio e famiglia: un uomo e una donna, uniti per tutta la vita in un amore fedele, aperti alla vita, con il desiderio di ricevere dei bambini come dono di Dio, per crescerli con tenerezza nella sacra communio familiare”.

Le risposte alle sfide e ai pericoli nei confronti della famiglia e del matrimonio devono arrivare dalla Parola di Dio: “mentre il realismo pastorale e la compassione - conclude il Cardinale Dolan - ci spingono a considerare attentamente la situazione del matrimonio e della famiglia oggi, il nostro dovere è quello di seguire Gesù nel richiamare e ripristinare ciò che il Padre intendeva al principio”.

Ti potrebbe interessare