Solidarietà. A Milano c’è “Pane in piazza” per i Missionari Cappuccini

Locandina evento
Foto: Chiesa di Milano
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Pane in piazza” è l’imponente manifestazione benefica organizzata dalle Missioni Estere Cappuccini onlus di Milano insieme alla Famiglia Marinoni, che si terrà in città nella settimana di “Milano Food City”, da lunedì 7 a domenica 13 maggio. I migliori panificatori d'Italia ( 80 per l’esattezza ) per una settimana, in Piazza Duomo, sforneranno in diretta golose specialità regionali a favore delle Missioni dei Frati Cappuccini.

I panificatori saranno all’opera gratuitamente 24 ore su 24; sono circa 300 i chili di mozzarelle in arrivo fresche da Napoli e Bari, 100 i quintali di farina, 300 i chili di lievito, 130 i vasi di salsa al pomodoro da 5 kg cad, 10 i quintali di michette, tutto frutto delle donazioni di oltre 100 sponsor nel settore della panificazione e pasticceria, per almeno 50.000 visitatori attesi.

Obiettivo di “Pane in piazza”? Attraverso la celebrazione del pane, richiamare l’attenzione sul valore della vita missionaria e presentare i progetti umanitari in favore dei più bisognosi che i Missionari Cappuccini di Milano svolgono in Italia e nel mondo.

In particolare, il progetto di un grande panificio industriale in Etiopia, a Dire Dawa, denominato St. Augustin, voluto dal Vescovo locale, monsignor Angelo Pagano, Frate Minore Cappuccino già missionario in Camerun ed Etiopia, dove ora è Vicario apostolico di Harar e responsabile di tutte le opere sociali del Vicariato. Le donazioni ricevute durante “Pane in piazza” andranno interamente alla realizzazione del panificio St. Augustin.

Con una offerta a partire da 5 euro, tutti potranno gustare, le specialità regionali italiane di pane, pizza, focaccia e dolci – sfornate in diretta ininterrottamente dalle 9 alle 22-: dalla pizza napoletana alla piadina romagnola e le crocette emiliane e la mafalda siciliana; dalla Torta di Varese ai bomboloni laziali e il panettone “zebrato”…

A Milano, i Frati Cappuccini di piazza Cimitero Maggiore collaborano all’assistenza diretta dei senza fissa dimora, in drammatico aumento.

 

 

Ti potrebbe interessare