Conquistare Roma. Intervista alla storica Angela Pellicciari

Angela Pellicciari durante un suo intervento al Meeting di Rimini
Foto: Meeting Rimini
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Conquistare Roma, perché Roma è il mondo. Ma soprattutto, perché Roma è il centro della cattolicità. Quella Chiesa che, unica al mondo, ha portato a compimento l’universalità di Roma, e ne ha fatto uno strumento per il bene dell’uomo. Angela Pellicciari, storica del Risorgimento, ha appena dato alle stampe il volume “Una storia della Chiesa” (Cantagalli). Con rigore storico, riproducendo documenti che raramente vengono menzionati, ha messo in luce nel corso degli anni come il Risorgimento italiano sia stato soprattutto un movimento in chiave anti-cattolica. Un piano che aveva come scopo la sostituzione della verità teologica con la presunta libertà massonica. Storie che si sono dipanate in libri (tra gli altri) come “L’altro Risorgimento. Una guerra di religione dimenticata” (Piemme), “I panni sporchi dei Mille. L’invasione del Regno delle Due Sicilie” (Cantagalli), “Risorgimento anticattolico” (Piemme) e “I Papi e la Massoneria” (Ares). In una intervista con ACI Stampa, racconta perché, da sempre, l’attacco è stato mosso verso Roma. Ovvero verso la cattolicità. Un attacco che passa dall’attacco alla sovranità della Santa Sede.

Professoressa, perché, nel piano dell’Unità di Italia, si punta a Roma, alla distruzione dello Stato pontificio?

Perché Roma è il mondo. I Romani, che avevano un impero smisurato, avevano la consapevolezza che Roma era unica. Roma era universale, era la città in cui tutti si sentivano a casa. Il cristianesimo eredita e porta a compimento l’universalità romana. Lo spiega bene Paolo nella lettera ai Galati e nella lettera ai colossesi, quando dice che “non c'è più giudeo né greco; non c'è più schiavo né libero; non c'è più uomo né donna” perché tutti sono uno in Cristo Gesù. Le lettere di Paolo dimostrano che l’universalità cui Roma aspira è realizzata appieno dalla Chiesa romana.

È dunque questa universalità che fa di Roma un obiettivo?

Certo. Ogni nemico di Cristo vuole arrivare a Roma, distruggere Roma e creare una nuova Roma. Cioè un nuovo potere universale. Tutti gli imperi ci hanno provato, ma finora non ci sono riusciti. Solo Napoleone è riuscito, per poco tempo, ad arrivare a Roma e renderla territorio francese. Napoleone voleva trasformare Parigi in una nuova capitale universale. Per questo trasferì a Parigi l’Archivio Vaticano. Non si tratta di una mossa priva di valore. Il fatto è simbolicamente molto importante perché l’Archivio Vaticano, il più antico dell’occidente, documenta ciò che Roma è, e cioè il mondo.

Perché la massoneria è interessata ad arrivare a Roma?

Perché la massoneria vuole il potere, vuole riuscire a dominare ovunque, e perché l’unico ostacolo che incontra è rappresentato dalla chiesa cattolica. E’ una volontà di dominio che parte da lontano, radicata nella riforma protestante.

In che modo?

Basti pensare che James Anderson, l’autore della Costituzione dei Liberi Muratori, è un pastore presbiteriano. Protestantesimo e massoneria sono collegati dall’idea del libero esame promossa dal protestantesimo. L’esaltazione della libertà da Roma e dal magistero che Lutero incarna, diventa l’esaltazione della libertà dalla rivelazione propugnata dalla massoneria. La verità non è rivelata, è prodotta volta a volta dalla libera discussione nelle logge. E l’odio per Roma passa da Lutero alla Massoneria.

Si parla di uno Stato pontificio che era arretrato, fuori dal tempo…

Lo Stato pontificio era un gioiello, e a suo favore non c’è bisogno di tante parole perché bastano le pietre: le città, i villaggi, i borghi. È sufficiente un tour in Umbria, nelle Marche e nel Lazio, per comprendere come era amministrato lo Stato Pontificio. Quanti ospedali, quante chiese, cappelle, opere d’arte, fontane, oratori, conventi, opere di beneficenza, quante scuole. Quanta bellezza c’era ovunque. Quanto rispetto e amore per la vita delle persone.

Ma se era così ben organizzato, perché cadde?

Perché tutto il mondo era coalizzato contro i cattolici e il loro Stato. Non c’erano più potenze cattoliche. Il Papa non aveva più sponde. Gli Stati rimasti cattolici, lo erano nominalmente e non di fatto. E l’esercito dello Stato Pontificio era più che altro simbolico perché il Papa non aveva bisogno di difendersi essendo in Italia tutti cattolici.

Il Regno d’Italia nasce dallo sbarco di Garibaldi in Sicilia. Anche quello era un Regno ben organizzato…

Il regno delle Due Sicilie era il regno più antico, più grande, con l’esercito più forte d’Italia. Purtroppo il giovane re Francesco II era inesperto, incapace di governare e si fidava dei suoi consiglieri. Quando i Mille stavano per arrivare a Napoli, Liborio Romano, che era ministro dell’Interno, convinse Francesco II a lasciare Napoli senza combattere, per evitare la distruzione della città. Così Garibaldi poté entrare a Napoli senza alcuna resistenza, accolto dallo stesso Liborio Romano. È un episodio che racconta molto di come i Mille siano riusciti a conquistare il Regno delle Due Sicilie. Buona parte dei vertici militari era composto da massoni e corrotti. Lo sbarco dei Mille a Marsala è preparato dall’ammiraglio Carlo Pellion di Persano, che si reca in Sicilia con un fido illimitato di Cavour per corrompere i vertici militari. E così la Marina non si accorge degli sbarchi di uomini, armi e munizioni. Ce lo racconta lo stesso Persano, che pubblica le lettere che spediva a Cavour (si tratta di segreti di Stato!) per raccontargli come andava la preparazione dell’invasione antiborbonica.

C’era un disegno generale per prendere Roma?

Sia gli interventi dei Pontefici che gli scritti della massoneria dicono chiaramente che la scomparsa dello Stato pontificio era il principale obiettivo che le potenze protestanti e massoniche si ripromettevano unificando l’Italia. Perché i massoni erano convinti che, se fossero riusciti a distruggere il potere temporale, anche il potere spirituale del Papa sarebbe crollato. Per propagandare in tutto il mondo il loro attacco alla Chiesa spacciato per “Risorgimento”, i Savoia e i massoni si sono serviti di una propaganda capillare e della falsificazione sistematica dei dati storici. Hanno definito se stessi come campioni della morale e hanno fatto consistere la morale nella realizzazione di una monarchia costituzionale e di un stato liberale. Se non che il primo articolo dello Statuto albertino definiva la chiesa cattolica “unica religione di stato”. Ebbene, non appena il regno di Sardegna diventa liberale, i governanti cominciano a sopprimere uno dopo l’altro tutti gli ordini religiosi della chiesa di stato. In nome della “libera chiesa in libero stato” i Savoia cacciano dalle proprie case tutti i membri degli ordini religiosi: 57.943 persone. In nome della libertà tanti preti sono uccisi o sbattuti in prigione perché si rifiutano di dare i sacramenti ai liberali che il papa, ovviamente, ha scomunicato. Il risorgimento italiano è molto simile nelle sue decisioni e nelle sue dinamiche alle rivoluzioni protestanti del secolo XVI. I Protestanti però, mossi dall’odio per la chiesa romana, hanno pubblicamente dichiarato guerra a Roma. I liberali italiani invece hanno fatto una guerra spietata contro la chiesa cattolica in nome della chiesa cattolica.Avendo fatto consistere la moralità nel rispetto della costituzione non potevano dichiarare apertamente il loro odio per Roma e il papa.

Cosa è successo poi?

E’ successo che un’enorme quantità di ricchezza è passata di mano: migliaia di palazzi meravigliosi, di chiese, di oggetti d’arte, di archivi, di biblioteche, di terreni, tutte le proprietà che erano state regalate alla chiesa nel corso dei secoli, sono state acquistate per due lire dall’élite liberale, circa l’1% della popolazione. Con la conseguenza che per la prima volta nella sua storia l’Italia, invece di risorgere, si è trasformata in una colonia di poveri costretti in massa all’emigrazione. Il papa che assiste impotente a questa svendita della ricchezza  e della dignità nazionale, Pio IX, dal 1846 profetizza ai liberali cosa sarebbe successo: alla rapina dei beni della chiesa fatta in nome della libetà e della costituzione sarebbe seguita la rapina dei beni dei borghesi in nome del comunismo.

Ma quale era il ruolo dello Stato Pontificio?

Lo Stato Pontificio era il punto di riferimento dei cattolici di tutto il mondo. Sia Pio IX che Leone XIII hanno insistito sull’importanza del potere temporale del pontefice. Il potere temporale era funzionale a garantire la libertas ecclesiae, la libertà del potere spirituale. Pio IX lo scrive in molti documenti: i cattolici di tutto il mondo non avrebbero mai potuto essere certi dell’effettiva indipendenza del Papa, e quindi anche dell’effettiva indipendenza del suo Magistero, se non avessero avuto la sicurezza che il Papa fosse libero dalla pressione dei principi regnanti. Nel 1870, in questo contesto drammatico in cui l’attacco alla chiesa è arrivato a Roma, Pio IX proclama il dogma dell’infallibilità.

Perché questa decisione di proclamare l’infallibilità?

La Chiesa da sempre sa che Pietro è Pietro, e sempre nel corso dei secoli questo è stato rispettato. Negli Atti degli Apostoli, quando Pietro e Giovanni -ovvero l’apostolo che aveva tradito e l’unico apostolo che era rimasto sotto la croce e che Gesù amava- parlano al popolo, è sempre Pietro a prendere la parola. Tutti riconoscevano il primato di Pietro. Allora perché Pio IX proclama un dogma che tutti da sempre rispettavano? Lo fa perché è un profeta.

Con la massoneria si afferma il relativismo, ovvero una visione del mondo che sostiene che non ci sono verità assolute. Che tutto è in evoluzione comprese le credenza più profonde. Nella seconda metà dell’ottocento i cattolici vedono crollare tutte le loro certezze. Per la prima volta dalla fine delle persecuzioni gli italiani vedono la propria fede irrisa, i gioielli della propria cultura rapinati, i preti, i vescovi e i religiosi calunniati e incarcerati, lo stato pontificio conquistato da uomini che si definiscono cattolici: di fronte a un simile sfacelo il rischio che la fede vacilli è concretissimo. Le ingiustizie sono tali e tante che si è tentati di pensare che, forse, ci si è sbagliati. Che non è vero che Dio ha garantito a Pietro l’infallibilità. 

In questo momento drammatico della storia Pio IX capisce che la fede va sostenuta. Che i fedeli vanno confortati. E quale maggiore consolazione che proclamare con un dogma che Gesù si è solennemente impegnato con la sua chiesa donando a Pietro la capacità di agire sempre a favore della verità?

Pio IX è un papa dalla fede di un gigante ed è per questo che l’attacco nei suoi confronti continua ancora oggi: la decisione di proclamarlo beato ha fatto sollevare un coro di grida di scandalo contro Giovanni Paolo II, reo di aver osato portare agli onori degli altari un papa che la storiografia, anche cattolica, unanimemente condanna. Il punto è che la storia, ha ragione Leone XIII che lo scrive nel 1883, “sembra essere diventata una congiura degli uomini contro la verità”.