Pavia rende omaggio a Sant' Agostino e al De Trinitate

Benedetto XVI davanti alle reliquie di Sant' Agostino
Foto: pd
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Gli ultimi tre libri del "De Trinitate", i più affascinanti. Sono al contro degli eventi della XLIX Settimana Agostiniana Pavese che si è aperta ieri con la concelebrazione presieduta da Corrado Sanguineti vescovo di Pavia. Il priore della comunità Agostiniana pavese Padre Antonio Baldoni spiega che il momento centrale è la  Lectio  che ricorda  la visita di Benedetto XVI a Pavia nel 2007.

Domani 21 aprile alle ore 21.00, il gruppo Cristo Uomo Nuovo esegue per la prima volta una proposta in musica sulla figura di S. Agostino, si tratta di una novità nel contesto della Settimana Agostiniana.  Il 22, sempre alle 21,00, altra proposta musicale, questa volta classica, con mottetti seicenteschi. La Settimana si chiuderà il lunedì 24 con la festa della conversione di Agostino: al termine dell’Eucarestia presieduta dal vescovo Erminio De Scalzi, le reliquie saranno rimesse all'interno dell'altare del presbiterio. Durante la Settimana Agostiniana sarà possibile ammirare una mostra sulla visita a Pavia di Benedetto XVI, allestita nel chiostro del convento”.  

Il biblista don Gianluigi Corti, presidente del Comitato Pavia Città di Sant’Agostino, pone l’accento su due anniversari: “La settimana agostiniana di questo anno si caratterizza per due date. Da una parte essa è la quarantanovesima, si tratta dunque di una edizione che potremmo chiamare “vigilare” in quanto siamo ormai alle soglie del giubileo d’oro di questa iniziativa nata dalla sollecitudine del Beato Paolo VI al vescovo di Pavia mons Angioni perché nella città dove sono custoditi i resti mortali di Agostino si facesse qualcosa per onorane la memoria in modo da dare di nuovo la parola al grande dottore della Chiesa e ricominciare a sentirne il fascino nella profondità del suo pensiero. L’altra data è che dieci anni fa, proprio durante la settimana agostiniana il grande Papa Benedetto XVI venerò personalmente le reliquie del vescovo di Ippona in una indimenticabile visita pastorale a Pavia. Questa seconda circostanza ci invita a raccogliere con responsabilità e con coraggio gli sproni che il Santo Padre ci diede in quella circostanza a fare di Pavia una città dalla quale Agostino parla ancora e ci proietta dunque al di là del piacevole e grato ricordo della visita ricevuta". La prossimità del cinquantesimo della Settimana Agostiniana sollecita a ringiovanire questa iniziativa per renderla più efficace e fruibile su larga scala come occasione in cui ridare la parola ad Agostino. “Anche quest’anno si terrà la Lectio Augustini, iniziativa di grandissimo pregio accademico, rimasta però quasi l’unica animazione della settimana al di là delle celebrazioni liturgiche” sottolinea don Gianluigi che ricorda anche l’appuntamento di giovedì 27 quando l'attore Giovanni Scifoni aiuterà ad ascoltare Agostino attraverso

una serata da lui animata nella Basilica di San Pietro in Ciel d’Oro. “Queste iniziative servono per avvicinare Agostino al grande pubblico, renderlo eloquente non solo in sede accademica, dove certo il dottore di Ippona non sfigura, ma anche in mezzo al popolo, ambiente ideale per la parola di un vescovo” conclude il presidente del Comitato.

Il Comitato Pavia città di Sant'Agostino è stato Costituito formalmente nel 2007 dal Comune di Pavia, dalla Diocesi di Pavia e dalla Provincia agostiniana d’Italia, con la partecipazione di numerose importanti istituzioni (Università di Pavia, Università cattolica di Milano, Istituto Patristico Augustinianum di Roma, Provincia di Pavia, Chiesa valdese di Pavia, Istituto per la Storia dell’Arte lombarda, Società per la Conservazione dei Monumenti dell’Arte cristiana in Pavia, Collegio S.Caterina di Pavia, Biblioteca Angelica di Roma, Progetti Società Cooperativa) il Comitato rappresenta un tentativo di rendere la città di Pavia, in tutte le sue articolazioni, ancora più consapevole dell’onore e della responsabilità che la storia, a partire da re  Liutprando, le ha assegnato.