Barcellona, un simposio per accompagnare i giovani verso il Sinodo

Una immagine per il Simposio di Barcellona
Foto: CCEE
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Un sussidio in 12 punti, per guidare il dibattito. È stato preparato in vista del Simposio di Barcellona, organizzato dal Consiglio delle Conferenze Episcopali Europee, che vedrà riuniti 250 delegati dal 28 al 31 marzo per parlare di “accompagnamento dei giovani”. Il simposio è uno dei primi grandi dibattiti europei di preparazione verso il Sinodo sui giovani che si terrà nel 2018.

“I giovani - ha detto monsignor Duarte da Cunha, segretario generale del CCEE – sono decisivi per la vita della Chiesa e della società. Hanno molti doni da condividere, che bisogna valorizzare: dedizione, creatività, generosità, desiderio di conoscere l’altro e di accoglierlo, o, meglio, un grande desiderio di amare e di essere amati.

Il sussidio nasce da una consultazione cominciata già a partire dal 2015, quando un comitato composto da rappresentanti di cinque ambiti pastorali (catechesi, scuola, università, giovani e vocazioni) si è incontrato a Malta e ha redatto un documento che è stato discusso durante la prima metà del 2016 in incontri separati con i delegati nazionali di tutti e cinque i settori. Il maggior numero possibile dei loro commenti è stato poi inserito nel documento finale, redatto a Madrid, da un altro piccolo comitato in rappresentanza dei cinque ambiti pastorali.

Ecco i 12 punti del documento: 1) Gesù e l’accompagnamento; 2) Entusiasmo cristiano e volontà di Dio; 3) Diversità e relazione; 4) Identità e vita; 5) Comunità e famiglia; 6) Famiglia e Chiesa; 7) Speranza e pienezza di vita; 8) Gioia e vita; 9) Giovani e i loro linguaggi; 10) Accompagnamento e Spirito Santo; 11) Esame di coscienza e testimonianza; 12) Evangelizzazione e Cristo.

Le giornate di Barcellona saranno scandite da momenti di preghiera e dalla celebrazione quotidiana dell’Eucarestia. Il 29 marzo, la Messa sarà dedicata in maniera speciale alla preghiera per le vocazioni sacerdotali, e il 30 alle vocazioni della famiglia. 

Il 29 marzo ci sarà anche una veglia di preghiera per i giovani dell’Europa.