I 60 anni della Casa Sollievo della Sofferenza

Casa Sollievo della Sofferenza
Foto: Facebook Pubblico Dominio
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il 5 maggio 1956 Padre Pio da Pietralcina fondò il suo ospedale: Casa Sollievo della Sofferenza, fortemente voluto e desiderato dal Santo, proprio nella sua amata Puglia.

"Signori e fratelli in Cristo, la Casa Sollievo della Sofferenza è al completo. Ringrazio i benefattori d'ogni parte del mondo che hanno cooperato. Questa è la creatura che la Provvidenza, aiutata da voi, ha creato; ve la presento. Ammiratela e benedite insieme a me il Signore Iddio". Con queste parole, dinanzi a migliaia di fedeli, Padre Pio inaugurò la sua opera.

E così sono passati 60 anni. Anni in cui questo ospedale è diventato uno dei migliori nel mondo. Con 60mila ricoveri e 1.250.000 prestazioni ambulatoriali all’anno, l’I.R.C.C.S. di San Giovanni Rotondo è una delle più importanti strutture ospedaliere presenti.

Per festeggiare il 60esimo anniversario il 5 maggio sul pronao dell’ospedale si è svolta la celebrazione eucaristica presieduta dal cardinale Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento e presidente della commissione episcopale per il servizio della Carità e della Salute della CEI.

Durante l'omelia, il cardinale Montenegro ha più volte sottolineato la particolarità di un ospedale che poggia le sue fondamenta sulla sapienza di Padre Pio. "Un sapienza intesa come esperienza di Dio, che lo ha spinto a realizzare un'opera che in questi 60 anni ha curato tante piaghe e ha dato conforto a centinaia di migliaia di ammalati".

“Abbiamo celebrato i sessant'anni di vita di una casa - ha aggiunto monsignor Michele Castoro, Presidente della Fondazione Casa Sollievo - che racchiude in sé, come in un unico corpo, la scienza medica e i Gruppi di Preghiera. Una Casa che Padre Pio volle non solo per il sollievo dei corpi, non come una clinica modello, ma come un richiamo operante all'amore di Dio, mediante il richiamo alla carità".