Domenica delle Palme, il Papa: "Anche noi dobbiamo accettare la Croce ogni giorno"

Il Papa presiede la Messa della Domenica delle Palme
Foto: Lucia Ballester CNA
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

La Domenica delle Palme contiene in se il contrasto dell’entrata festosa di Gesù a Gerusalemme e del racconto della sua Passione. Lo ha spiegato il Papa, stamane, nell’omelia pronunciata in occasione della Messa della Domenica delle Palme.

Gesù entra a Gerusalemme non come “un profeta new age, un venditore di fumo, tutt’altro: è un Messia ben determinato, con la fisionomia concreta del servo, il servo di Dio e dell’uomo che va alla passione; è il grande Paziente del dolore umano”.

Guardando al suo ingresso - ricorda Francesco - oggi “pensiamo alle sofferenze che Lui dovrà patire in questa Settimana. Pensiamo alle calunnie, agli oltraggi, ai tranelli, ai tradimenti, all’abbandono, al giudizio iniquo, alle percosse, ai flagelli, alla corona di spine…, e infine alla via crucis, fino alla crocifissione”.

La strada di Gesù - scandisce il Papa - è la via della croce. E questa strada è anche la nostra. “Per seguire fedelmente Gesù, chiediamo la grazia di farlo non a parole ma nei fatti, e di avere la pazienza di sopportare la nostra croce: di non rifiutarla, non buttarla via, ma, guardando Lui, accettarla e portarla, giorno per giorno”.

Gesù - spiega il Pontefice - non va contemplato solo in astratto. Lui “è presente in tanti nostri fratelli e sorelle che oggi, oggi patiscono sofferenze come Lui: soffrono per un lavoro da schiavi, soffrono per i drammi familiari, per le malattie… Soffrono a causa delle guerre e del terrorismo, a causa degli interessi che muovono le armi e le fanno colpire. Uomini e donne ingannati, violati nella loro dignità, scartati…. Gesù è in loro, in ognuno di loro, e con quel volto sfigurato, con quella voce rotta ci chiede di essere guardato, di essere riconosciuto, di essere amato”.

Questo Gesù - spiega concludendo il Papa - è lo stesso dell’ingresso a Gerusalemme, “è lo stesso che è stato inchiodato alla croce ed è morto tra due malfattori. Non abbiamo altro Signore all’infuori di Lui: Gesù, umile Re di giustizia, di misericordia e di pace”.

La Domenica delle Palme coincide con la celebrazione della Giornata Mondiale della Gioventù. E oggi in Piazza San Pietro i giovani di Cracovia consegnano la croce della GMG a quelli di Panama, dove si celebrerà - nel gennaio 2019 - la prossima edizione internazionale.