Il Cardinale Piacenza ai confessori: un ministero che non fa rumore ma fa miracoli

Papa Francesco si confessa
Foto: OR/ Aci Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

L’Avvento è tempo di preparazione, e qundi anche un momento perfetto per le confessioni. Ed è per questo che il Penitenziere Maggiore, il cardinale Mauro Piacenza ha inviato una lettera a tutti i Confessori delle Basiliche papali.

“L’inizio e la fine dell’Anno Liturgico, - scrive Piacenza- l’inizio ed il compimento della salvezza, davvero si toccano, uasi si fondono insieme, e, mentre procediamo verso la mangiatoia di Betlemme, prepariamo il cuore alla venuta del Dio-Uomo, che continuamente “viene” nel tempo della Chiesa, per liberarci con la Sua misericordia, e che verrà alla fine dei tempi, nello splendore della verità, per giudicare gli uomini  secondo la loro fede operante nella carità”. Ecco allora che  il “Giudizio finale” appare sempre più estraneo ad una cultura contemporanea dominata dalla “dittatura dell’istante” e sempre meno disponibile, se non apertamente ostile, nei confronti del trascendente. Eppure, noi confessori siamo testimoni privilegiati di come tale Giudizio ultimo venga, in realtà, mirabilmente anticipato ogni giorno, per la salvezza di tutti gli uomini, attraverso il Sacramento della misericordia”.

Nella Confessione “Cristo si fa compagno di ogni uomo, si inabissa nelle profondità del peccato e lo sconfigge di nuovo e ancora con la potenza della Sua Risurrezione”.

Un dolce “incontro di misericordia”, spiega il cardinale, nel quale “ il penitente riconosce nell’umanità consacrata del confessore la presenza del mistero; anzi vede questa umanità totalmente definita da Cristo, tanto da cercare con sicurezza il confessore, pur senza conoscerlo personalmente; ancora il penitente riconosce se stesso colpevole della Croce del Signore, a causa dei propri peccati, che confessa e consegna ai piedi di quella Croce; infine, invoca il Sangue di Cristo Redentore, perché rinnovi in lui la grazia battesimale, rendendolo “nuova creatura””.

Per i confessori è un grazia immensa “potersi offrire al Dio-Uomo per la salvezza di ogni fratello, chinandosi teneramente sull’umana povertà, raggiungendo quella periferia del peccato nella quale Uno soltanto ha la forza di addentrarsi, e vedendo ciascuno risollevato dalla spirituale indigenza ed immediatamente arricchito di ciò che abbiamo più caro nel cristianesimo: Cristo stesso!”.

Il Penitienziere Maggiore conclude la sua riflessione con un ringraziamento ai Penitenzieri delle Basiliche Papali in Urbe e a tutti i confessori del mondo “per il ministero fedelmente e talvolta eroicamente svolto al servizio dell’autentico bene della persona umana” che, come dice Papa Francesco è un’opera “al servizio della tanto invocata “ecologia dell’uomo” dalla quale trae un invisibile, ma efficacissimo beneficio l’intera umana società”.

Un ministero che “non fa rumore ma fa miracoli! Nessuno nota ma Dio vede, ed è questo che conta!” e inoltre “col sacramento della Penitenza, non solo cancellate i peccati, ma dovete avviare i penitenti sulla via della santità, esercitando su di essi, in una forma convincente, un vero e proprio insegnamento, un ministero di guida e di accompagnamento”.

Il pensiero finale è al centenario di Fatima: £il Cuore Immacolato della Beata Vergine Maria voglia concedere a tutti e a ciascuno di vivere un fruttuoso cammino di Avvento, per giungere rinnovati a celebrare il Natale del Suo Figlio.

Santo Natale a voi e ai vostri penitenti nel cuore dei quali farete sbocciare la gioia di sapere che il Signore è vicino!”.