Il Papa e il Creato: rispetto, responsabilità e relazione

Papa Francesco, Udienza Generale
Foto: CNA
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Sono tre i temi sottolineati da Papa Francesco in un messaggio indirizzato al Convegno “Laudato si’ e grandi città”, in corso a Rio de Janeiro in questi giorni e apertosi ieri con l’intervento del cardinale Turkson, prefetto del Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale. Rispetto, responsabilità e relazione.

Il Convegno avrà luogo dal 13 al 15 luglio 2017, organizzato dalla Fondazione “Antoni Gaudí para las Grandes Ciudades” di Barcelona, con la collaborazione dell’Arcidiocesi di Río de Janeiro.

Primo: rispettare la Creazione è uno dei nostri “compiti fondamentali”. Nel Messaggio il Papa osserva: “Non possiamo rimanere a braccia conserte quando avvertiamo una grave diminuzione della qualità dell’aria o l’aumento della produzione di rifiuti non adeguatamente trattati. Queste situazioni sono conseguenza di una forma irresponsabile di manipolare la creazione e ci chiedono di esercitare una responsabilità attiva per il bene di tutti”.

Cosa si può fare? Francesco fa un appello: “E’ allora urgente che ogni governo incentivi modi di agire responsabili per rispettare l’ambiente in cui tutti viviamo”.

“Si osserva –aggiunge il Papa nel messaggio - nelle grandi città, come nelle zone rurali, una crescente mancanza di rispetto.

Rispettare la Creazione è un dovere anche e soprattutto verso le generazioni future. “Questa cura dobbiamo insegnarla e trasmetterla”. “Lo sradicamento –continua il Papa - e l'isolamento di alcune persone generano forme di povertà, che possono portare alla ghettizzazione. Invece, l'uomo è chiamato ad amare ed essere amato”.

Conclude Francesco il suo messaggio: “E’ necessario uno sforzo congiunto a livello politico, educativo e religioso per creare relazioni umane che rompano i muri che emarginano le persone”.