Ordine di Malta, la Santa Sede loda il suo lavoro nel mondo

Il Gran Maestro dell'Ordine di Malta in udienza con Papa Francesco
Foto: Order of Malta
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Nell’ambito delle vicende che coinvolgono l’Ordine di Malta, un comunicato della sala stampa della Santa Sede ribadisce “il suo appoggio ed incoraggiamento all’encomiabile lavoro che i membri volontari realizzano in varie parti del mondo”.

Il comunicato della Santa Sede conferma anche la fiducia della Santa Sede nel gruppo che Papa Francesco ha nominato per raccogliere informazioni sulle procedure che hanno portato alla nomina di un nuovo Cancelliere per l’Ordine di Malta, che ha sostituito il precedente cancelliere Albrecht Boeslager, dopo che questi aveva rifiutato di rassegnare le dimissioni su richiesta del Gran Maestro dell’Ordine, Fra’ Matthew Festing.

Si legge nel comunicato della Sala Stampa della Santa Sede “in relazione agli avvenimenti di queste ultime settimane riguardanti il Sovrano Militare Ordine di Malta, la Santa Sede desidera ribadire il suo appoggio ed incoraggiamento all’encomiabile lavoro che membri e volontari realizzano in varie parti del mondo, in compimento delle finalità dell’Ordine: la “tuitio fidei” (la difesa della fede) e l’ “Obsequium pauperum” (il servizio ai poveri, ai malati e alle persone più vulnerabili).”

La Santa Sede ci tiene a sottolineare che è proprio “a sostegno e incremento di questa generosa missione, la Santa Sede conferma la sua fiducia nei cinque componenti del Gruppo costituito dal Santo Padre Francesco il 21 dicembre 2016, nominati allo scopo di informarLo sulla crisi dell’attuale Direzione centrale dell’Ordine, e rifiuta, in base alla documentazione in suo possesso, ogni tentativo di screditarne le figure e l’opera”.

 

La Santa Sede – conclude il comunicato – “confida nella piena collaborazione di tutti in questa fase così delicata e attende la relazione del suddetto Gruppo per adottare, in ciò che le compete, le decisioni più opportune per il bene del Sovrano Ordine Militare di Malta e della Chiesa”.