Papa Francesco in Perù, "degrado ambientale e degrado morale sono collegati"

Papa Francesco legge il discorso alle autorità, Palacio del Gobierno, Lima, 19 gennaio 2018
Foto: Alvaro de Juana / ACI Group
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

La difesa della casa comune, che è poi anche una difesa della dignità umana, e l'appello per contrastare il “virus sociale” della corruzione:sono questi i temi centrali del discorso che Papa Francesco fa alle autorità del Perù, nella serata del primo giorno della seconda tappa del suo viaggio nelle Ande. Ma è un incontro di speranza, perché - dice il Papa - "il Perù è terra di speranza che invita e sfida all'unità di tutto il suo popolo", il quale "ha la responsabilità di "mantenersi unito precisamente per difendere questi motivi di speranza". 

Dopo essere stato a Puerto Maldonado, dove ha incontrato la popolazione locale arrivando fino a quell’Amazzonia luogo di diversità culturale e ambientale, ma anche di sfruttamento e difficoltà, il Papa torna a Lima e incontra le autorità nel Palacio de Gobierno, dopo una breve sosta nella cappella della base aerea che lo accoglie, dove lascia in dono una scultura della Santa Vergine dai lunghi capelli sciolti su una tunica rossa e un mantello blu, che rappresenta Maria Ausiliatrice. 

E lì, ad attendere le sue parole, ci sono 500 persone, tra autorità politiche e religiose, corpo diplomatico, imprenditori, rappresentanti della società civile e della cultura.

È una situazione diversa da quella del Cile. Il presidente Pedro Pablo Kuczynsky, peruviano di origini tedesche, ha consacrato il Paese al Sacro Cuore di Gesù e al Cuore Immacolato di Maria al termine di una colazione di preghiera nel 2016, e che ricorda come il Palacio del Gobierno sia al centro della storia del Paese, in un incrocio tra rovine pre-incaiche e la Cattedrale. 

Giovanni Paolo II ha visitato il Paese due volte, nel 1985 e nel 1988, trenta anni fa, come ricorda il presidente Kuczynski. Che definisce quella epoca come "una epoca in cui fiorì il terrorismo, la superinflazione e molti altri mali", una epoca "di transizione", che ora sta andando avanti secondo il processo di "rivoluzione sociale" che sta andando avanti a tappe e che ora devono essere "accelerate". 

La Chiesa cattolica in Perù ha un ruolo di primo piano secondo il nuovo testo costituzionale del 2003. Ma anche lì la secolarizzazione va avanti: nel 2008 è stato approvato il divorzio rapido e nel 2014 il protocollo medico relativo alla pratica dell’aborto terapeutico negli ospedali.

Ma se la società è sempre più secolarizzata, c’è una grande devozione popolare, e un grande amore per la Chiesa, che si è visto ad esempio nel Giubileo di Santa Rosa da Lima. Nel suo discorso alle autorità, Papa Francesco lega l’ecologia integrale al tema della corruzione, rendendo concreta la sua affermazione che la Laudato Si non è una enciclica ecologica, ma una enciclica sociale.

Le parole del discorso del Papa alle autorità partono proprio dall’Amazzonia appena visitata e oggetto di un Sinodo speciale nel 2019, “la più grande foresta tropicale e il sistema fluviale più esteso del pianeta”, per arrivare al tema della corruzione, perché - spiega - degrado dell’ambiente e degrado morale sono strettamente legati.

La biodiversità dell’Amazzonia è paragonata alla varietà del popolo peruviano, una “ricchissima pluralità culturale” che “costituisce l’anima del popolo” del Perù, marcato da “ospitalità, stima dell’altro, rispetto, gratitudine verso la madre terra e la creatività per nuovi progetti”. 

Il Papa guarda ai giovani, “il presente più vitale che questa società possiede”, sottolinea che “la speranza in questa terra ha un volto di santità”, con santi come “Martino de Porres, il quale, figli odi due culture, mostrò la forza e la ricchezza che nasce nelle persone quando mettono l’amore al centro della loro vita”.

Ma la minaccia che fa ombra a questa vitalità giovanile – aggiunge il Papa – viene proprio dal “modo in cui stiamo spogliando la terra delle risorse naturali, senza le quali non è possibile alcune forma di vita”.

E per questo “Uniti per difendere la speranza” (il motto del viaggio del Papa in Perù) significa “promuovere e sviluppare una ecologia integrale”, ascoltando, riconoscendo e rispettando “i popoli locali come validi interlocutori”, perché questi mantengono “un legame diretto con il territorio, conoscono i suoi tempi e i suoi processi” e per questo conoscono gli “effetti catastrofici” che provocano alcune iniziative portate avanti “in nome dello sviluppo”.

“Il degrado dell’ambiente è strettamente legato al degrado morale delle nostre comunità”, ammonisce il Papa. E ricorda alcune situazioni, come quella delle “estrazioni minerarie irregolari”, un “pericolo che distrugge la vita delle persone”, perché “foreste e fiumi vengono devastati in tutta la loro ricchezza”, e il processo di degrado “implica e alimenta organizzazioni al di fuori delle strutture legali che degradano tanti nostri fratelli sottomettendoli alla tratta, al lavoro irregolare, alla delinquenza”.

La corruzione è, per Papa Francesco, “un’altra forma di degrado ambientale”, che “inquina progressivamente il tessuto sociale”, un “virus sociale” che “infetta tutto” e “i poveri e la madre terra sono i più danneggiati”, e per questo tutto ciò che si può fare per lottare “contro questo flagello sociale” merita “il massimo della considerazione e del sostegno”, perché “questa lotta ci riguarda tutti”.

Il Papa dunque incoraggia i leader dei Paesi per impegnarsi a “offrire la sicurezza che nasce dalla convinzione che il Perù è uno spazio di speranza e di opportunità, per tutti e non solo per pochi”. E, a fianco ai leader e al popolo, Papa Francesco schiera l’impegno della Chiesa Cattolica “in questo sforzo che ci accomuna di portare avanti il lavoro perché il Perù continui ad essere terra di speranza”.

Al termine del discorso, Papa Francesco incontra la famiglia presidenziale nel Salon de la Paz, benedice funzionari e personale del Palazzo presidenziale nella Sala del Gran Comedor. 

Dopo il congedo, Papa Francesco andrà nella Chiesa di San Pedro, dove incontrerà i membri della Compagnia del Gesù.