Al Consiglio permanente della CEI si discuterà di un un cammino sinodale nelle diocesi

Tra i temi anche il lettorato per le donne e la Assemblea Generale

I vertici CEI in udienza dal Papa
Foto: Vatican Media
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Sarà una sessione primaverile del Consiglio Episcopale Permanente della CEI dedicata alla Assemblea Generale e al cammino sinodale.

I vescovi italiani obbediscono al Papa che lo aveva chiesto il 30 gennaio scorso ricevendo in udienza i partecipanti all'incontro promosso dall'Ufficio catechistico nazionale: “Ho menzionato il Convegno di Firenze. Dopo cinque anni, la Chiesa italiana deve tornare al Convengo di Firenze, e deve incominciare un processo di Sinodo nazionale, comunità per comunità, diocesi per diocesi: anche questo processo sarà una catechesi. Nel Convegno di Firenze c’è proprio l’intuizione della strada da fare in questo Sinodo. Adesso, riprenderlo: è il momento. E incominciare a camminare”.

Una indicazione molto netta. Anche se l’altro sinodo di una Chiesa locale al momento in corso, quello in Germania, sembra portare più confusione che chiarezza, il Papa lo chiede decisamente. 

Così Da lunedì 22 a mercoledì 24 marzo si svolgerà a Roma, la sessione primaverile del Consiglio Episcopale Permanente.

Gli altri punti all’ordine del giorno del Consiglio sono un approfondimento sulla situazione dei sacerdoti in Italia, con particolare riferimento alla sfida della formazione nei seminari e alla presenza di presbiteri provenienti da altri Paesi. Previste anche tre comunicazioni: la prima sul percorso da sviluppare per l’elaborazione degli Orientamenti che diano attuazione al Motu Proprio di Papa Francesco Spiritus domini sull’accesso delle donne al ministero istituito del lettorato e dell’accolitato; la seconda sui tre recenti documenti della Congregazione per l’educazione cattolica sull’affiliazione, aggregazione e incorporazione degli Istituti di studi superiori e sul monitoraggio delle Facoltà e Istituti superiori di scienze religiose in Italia; la terza sull’itinerario di condivisione avviato con l’Incontro di riflessione e spiritualità “Mediterraneo frontiera di pace”.

Ti potrebbe interessare