Al Giubileo dei carcerati le ostie saranno prodotte dai detenuti

Il senso del pane, progetto
Foto: Riccardo Gaglio
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il 6 novembre, a San Pietro, Papa Francesco consacrerà le ostie realizzate nell’ambito del progetto “Il senso del pane”.

Arriveranno a Roma per il Giubileo dei carcerati i detenuti che nell’istituto penitenziario alle porte di Milano realizzano le “ostie della Misericordia”, in un laboratorio che la Fondazione Casa dello Spirito e delle Arti ha realizzato in collaborazione con il direttore del carcere, Giacinto Siciliano. Oltre 600mila particole sono state realizzate.

Le ostie vengono donate alle parrocchie che ne fanno richiesta da tutto il mondo (scrivendo una mail a [email protected]) con l’obiettivo di porre l’attenzione, come voleva il Concilio Vaticano II, sull’Eucaristia come fonte e culmine della vita della Chiesa.

"Un progetto che vuole interrogare credenti e non credenti sulla possibilità di redenzione e riscatto per ogni essere umano e che, quindi, intende anche approfondire il dibattito sul tema dell’ergastolo e del “fine pena mai”, scrive la nota ufficiale.

Le “ostie della Misericordia” hanno raggiunto oggi tutti i cinque continenti e il progetto “Il senso del pane” coinvolge, attualmente, più di 300 parrocchie in Italia e nel mondo, impegnate a riflettere sull’Eucaristia e a condividere l’esperienza dei tre detenuti coinvolti nell’iniziativa. Il Papa ha già consacrato le particole nel giorno di Pentecoste e le consacrerà nuovamente alle ore 10 di domenica, durante la Santa Messa.

"Il Papa ci ha ricevuti in udienza lo scorso 9 aprile", commenta Giuseppe, uno dei tre detenuti coinvolti. "È stato un momento di grande gioia e siamo felici di incontrarlo di nuovo, soprattutto perché saremo assieme a tantissime altre persone che, come noi, condividono la realtà del carcere: un posto di pena e di tristezza, ma che può diventare anche un luogo da cui rinasce la speranza e in cui si fa esperienza della Misericordia di Dio. Per noi, grazie al laboratorio “Il senso del pane”, è stato così".

Concorda Arnoldo Mosca Mondadori, responsabile del progetto, che aggiunge: "L'Eucaristia non è nulla di simbolico. È la reale presenza del Cristo che illumina il mondo. Il nostro progetto vuole testimoniare a credenti e non credenti questa meravigliosa verità".

Ti potrebbe interessare