Becciu respinge ogni accusa e confida nel rispetto della corretta informazione

Il cardinale Angelo Becciu
Foto: Aci Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Sua Eminenza il Cardinale Becciu ribadisce la assoluta falsità degli addebiti sul proprio conto veicolati attraverso la stampa, confermando l’estraneità da qualunque fatto illecito”.

É quanto si legge in un comunicato stampa ufficiale che il Cardinale Angelo Becciu ha pubblicato con la data del 7 ottobre 2020.

Il cardinale “Attende con serenità gli esiti di ogni accertamento, in qualsiasi sede, che potranno finalmente confermare la propria fedeltà al Santo Padre e alla Chiesa. 

 

In particolare, si sottolinea che:

1. né il Cardinale, né i propri fratelli possiedono azioni od obbligazioni, né tantomeno partecipano a fondi d’investimento o posseggono conti esteri;

2. mai vi è stato trasferimento di fondi di provenienza della Segreteria di Stato nella disponibilità privata e personale dei propri familiari;

3. mai sono stati disposti investimenti della Santa Sede nelle attività della società Angel’s, legate alla produzione della birra o alla sua commercializzazione;

4. né il Cardinale né i propri fratelli hanno investito ricavi di attività familiari in fondi finanziari di qualunque natura;

5. mai il Cardinale ha effettuato investimenti nell’interesse della Santa Sede in attività economiche di Antonio Mosquito;

6. I contatti con Cecilia Marogna attengono esclusivamente questioni istituzionali;

7. mai il Cardinale ha richiesto un finanziamento da 150 milioni di euro all’Istituto per le Opere di Religione;

8. mai vi è stata alcuna interferenza da parte del Cardinale nel processo nei confronti del Cardinale Pell.

 

Tanto precisato, il Cardinale confida nel doveroso equilibrio fra libertà di stampa e diritto ad una corretta informazione nel rispetto di tutti i soggetti coinvolti, riservando il ricorso alle competenti Autorità giudiziarie a tutela dell’onore e della reputazione proprie e dei familiari in ogni caso verrà ritenuto necessario”.

 

Il testo è stato distribuito anche in inglese.

Ti potrebbe interessare