Cavallini, la Chiesa è l'unità che Dio ci dona e che dobbiamo difendere

La nostra vita è nei Sacramenti, ha detto nella omelia, e dobbiamo essere insieme almeno una volta a settimana

Don Andrea Cavallini
Foto: TV 2000
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Nella omelia della messa al Santuario del Divino Amore questa sera  Don Andrea Cavallini ha commentato il dialogo di Gesù con Nicodemo e la vita dalla prima comunità cristiana come la descrive la prima lettura proposta oggi dalla liturgia.

Erano tanti ma erano uno, spiega Cavallini, ecco la vita nuova dall’acqua e dallo Spirito e dai Sacramenti.

La nostra è una vita individuale ma nei Sacramenti riceviamo una vita che non è solo nostra perché la vita di Cristo, una vita comune che ci chiama riunirci.

Quindi ci dobbiamo vedere almeno una volta a settimana la Chiesa è questa unità.

E questo anche se ci sono problemi e divisioni. Ma l’unità viene da Dio e non è un ideale da raggiungere ma un dono che abbiamo ricevuto che dobbiamo scoprire far fruttare e difendere 

L’unità va difesa, e quando andiamo a messa lo facciamo anche per ricevere il dono dell’unità. Nella Eucarestia riceviamo tutti un pezzo dello stesso pane, dello stesso corpo.

In Cielo la comunione sarà vissuta pienamente. Una esperienza che a volte si fa anche sulla terra.

Tutti abbiamo una prima vocazione essere uno con gli altri essere la Chiesa tutto il resto viene dopo.

 

 

Ti potrebbe interessare