Cinque anni fa moriva il Cardinale Giovanni Canestri

Fu Arcivescovo di Genova dal 1987 - successore del Cardinale Siri - al 1995

Il Cardinale Giovanni Canestri con Papa Benedetto XVI
Foto: Apostole del Sacro Cuore di Gesù
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Ricorre oggi il quinto anniversario della morte del Cardinale Giovanni Canestri, Arcivescovo emerito di Genova.

Nato nel 1918 nell’alessandrino, venne ordinato sacerdote nel 1941 a Roma dove lavorò incessantemente fino al 1961, quando Papa Giovanni XXIII lo elesse Vescovo titolare di Tenedo e ausiliare di Roma.

Dopo aver preso parte al Concilio, nel 1971 venne trasferito come Vescovo di Tortona. Nel 1975 tornò a Roma quale Arcivescovo Vicegerente.

Nel 1984 venne nominato da Giovanni Paolo II Arcivescovo di Cagliari e nel 1987 venne chiamato a Genova a succedere al Cardinale Giuseppe Siri.

Nel 1988 Giovanni Paolo II lo creò Cardinale di Santa Romana Chiesa, del titolo presbiterale di Sant’Andrea della Valle.

Nel 1995 presentò la rinuncia per raggiunti limiti di età, lasciando l’incarico di Arcivescovo al futuro Cardinale Dionigi Tettamanzi.

Come Arcivescovo di Genova ha conferito l’ordinazione presbiterale, tra gli altri, a Monsignor Guido Marini, attuale Maestro delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice, e a Monsignor Niccolò Anselmi, attuale Vescovo ausiliare di Genova. Nel 1996 ha anche conferito la consacrazione episcopale al futuro Cardinale Luigi De Magistris.

Le spoglie del Cardinale Canestri riposano a Genova, nella Cattedrale di San Lorenzo presso l’altare del Santissimo Sacramento.

Ti potrebbe interessare