Cinque cose da sapere su San Nicola

San Nicola. Ecco cinque cose importanti da sapere

San Nicola
Foto: CNA / Wikimedia pubblico dominio
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

San Nicola, la cui festa cade oggi il 6 dicembre, è il santo che ha ispirato la figura di Babbo Natale. Pertanto questi cinque fatti raccolti da CNA permetteranno al fedele di avvicinarsi a questo Santo particolare. 

Sebbene non si sappia molto su San Nicola ci sono molte storie che raccontano fosse un uomo giusto e retto, caritatevole e operatore di miracoli.

È il santo patrono dei bambini
Molte persone sanno che San Nicola è il santo patrono dei bambini, ma potrebbero non sapere perché ha questo titolo. C'è una leggenda che narra che durante una carestia a Mira, tre bambini furono uccisi e i loro corpi posti all'interno di una botte di legno con l'intenzione di venderli come "prosciutto". Il Vescovo Nicola però operò un miracolo, i bambini risorgettero e furono così salvati da un destino terribile. Questa storia divenne il soggetto di molte raffigurazioni di San Nicola nell'arte, specialmente durante il Medioevo.

È uno dei santi più importanti della Chiesa ortodossa russa
San Nicola è una figura unificante tra cattolici e cristiani ortodossi, poiché entrambi venerano il santo. Nella Chiesa ortodossa russa è conosciuto come San Nicola il Taumaturgo, a causa dei molti miracoli attribuitigli sia durante che dopo la sua vita. Per gli ortodossi, San Nicola è onorato principalmente per le sue qualità di santo vescovo e buon pastore del suo popolo.

È molto diverso dalla rappresentazione di Babbo Natale
A causa della sua popolarità tra i cristiani ortodossi, San Nicola è un soggetto preferito nell'iconografia. Tra le centinaia di icone che lo rappresentano, non si vedono fossette sulla guancia o una "pancia rotonda" come il popolare Babbo Natale. Tuttavia, ha una barba bianca.

È anche patrono di scapoli, pescatori, usurai e falsamente accusati
Una delle leggende più popolari su Nicola è che il santo, che si dice provenga da una famiglia benestante, aiutò segretamente un uomo povero che aveva tre figlie. Il padre non poteva fornire la dote adeguata per le ragazze da sposare e, senza mariti che le sostenessero, avrebbero potuto essere costrette a prostituirsi. Dopo aver appreso della situazione, Nicola fece scivolare segretamente un sacchetto di monete d'oro fuori dalla finestra della famiglia mentre dormivano. Successivamente, ha lasciato un secondo sacchetto di monete per la terza figlia. In quel momento, narra la leggenda, il padre, che aveva aspettato sveglio tutta la notte, "colse" Nicola in flagrante alla consegna dei doni, ma il vescovo gli fece promettere di mantenere il segreto. È probabile che la storia spieghi perché il moderno personaggio natalizio di Babbo Natale fa regali ai bambini durante la notte. Uno dei tanti miracoli attribuiti a San Nicola avvenne in mare, mentre viaggiava a bordo di una nave verso la Terra Santa. Nicola è un santo patrono dei marinai e dei viaggiatori perché ha calmato le acque tempestose che minacciavano le loro vite.

San Nicola ha due festività
La maggior parte delle persone sa che la festa di Nicola si celebra il 6 dicembre, il giorno in cui morì nel 343. Ma per gli slavi orientali, così come per il popolo di Bari, in Italia, il 9 maggio è anche un importante giorno di festa. Quella data è l'anniversario del giorno in cui le reliquie di San Nicola furono trasferite da Myra, nell'attuale Turchia, a Bari, poco dopo il Grande Scisma di cattolici e ortodossi nel 1054.
Per i cristiani che seguono il calendario giuliano, come fanno gli ortodossi orientali, la festa principale di San Nicola cade il 19 dicembre. Quella mattina viene celebrata una liturgia ortodossa nella Basilica di San Nicola.
Il 6 dicembre i cattolici di Bari celebrano con una messa, concerti e una processione della statua del santo per le vie della città.

Ti potrebbe interessare