Dal 2 maggio 700 superiori generali si incontrano per la XII Plenaria della UISG

Vulnerabilità, Processo sinodale, Vita religiosa e sinodalità, Periferie, chiamate alla trasformazione i temi in agenda

Una immagine delle Assemblee precedenti
Foto: UISG
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Si apre il 2 maggio la XII Assemblea Plenaria della UISG a Roma all'Hotel Ergife, ma si potrà seguire anche on line.  All'Assemblea Plenaria del 2022 parteciperanno quasi 700 Superiori Generali, 520 dei quali saranno presenti a Roma.

I partecipanti provengono da 71 paesi diversi. Il continente maggiormente rappresentato è l'Europa, dove si trovano molte case generalizie di congregazioni.

Il Paese più rappresentato in Africa è la Repubblica Democratica del Congo; in Asia, India; in Nord America, Stati Uniti; in Centro e Sud America, Messico e Brasile.

Il tema della sinodalità accompagnerà l'incontro di una settimana, con presentazioni fornite da 10 relatori, su 5 temi chiave: Vulnerabilità, Processo sinodale, Vita religiosa e sinodalità, Periferie, chiamate alla trasformazione.

Suor Jolanta Kafka, rmi, Presidente dell'UISG, spiega che “ci sono molti modi per rendere visibile la sinodalità: la nostra assemblea, per contenuto e metodo, è un'esperienza di sinodalità all'interno della vita religiosa. Ci auguriamo davvero di poter vivere uno spazio privilegiato di ascolto, di ricerca insieme allo Spirito Santo. Dialogheremo su come stiamo contribuendo al processo sinodale nella Chiesa, come possiamo incoraggiare un ascolto profondo in stile sinodale e come entrare in una dinamica di discernimento comunitario come Chiesa, riconoscendo la vulnerabilità come caratteristica tipicamente umana”.

Dal 1965 l'UISG offre un luogo di incontro dei Superiori Generali in un contesto ecclesiastico. Con membri provenienti da tutto il mondo, il nostro obiettivo è creare ponti e reti per creare nuove strategie e sinergie che consentano alle religiose di comunicare oltre le distanze geografiche e le differenze linguistico-culturali, in modo che possano essere in comunione tra loro e insieme costruire una comunità globale.

I suoi membri contano più di 1900 Superiori Generali, i cui Generali sono dislocati in 97 paesi del mondo.

Altre informazioni

 

Ti potrebbe interessare