Dalle diocesi, gli appuntamenti per le celebrazioni di Ognissanti e per i fedeli defunti

Una attenzione speciale per le vittime degli incidenti sul lavoro

Preghiera al Cimitero del Cardinale Zuppi
Foto: Chiesa di Bologna
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Giorni intensi questi per tante comunità cristiane e tanti fedeli che raggiungono spesso i loro luoghi di origine per far visita ai propri cari defunti. E tanti anche i vescovi italiani che nelle loro diocesi celebrano liturgie eucaristiche all’intero dei cimiteri .

Lunedì 31 ottobre, Vigilia di Ognissanti, alle ore 21.00 a Bologna, l’arcivescovo, il card. Matteo Zuppi, guiderà la processione dalla chiesa di Santa Maria Assunta al cimitero di Borgo Panigale dove si svolgerà un momento di preghiera. Il giorno successivo alle ore 11.00, nella chiesa di San Girolamo della Certosa Zuppi celebrerà la Messa in occasione della commemorazione dei defunti e mons. Giovanni Silvagni, Vicario generale per l’amministrazione, celebrerà quella nella chiesa di Santa Maria Assunta di Borgo Panigale.

A Bolzano il vescovo di Bolzano-Bressanone, Ivo Muser, martedì 1° novembre, solennità di Ognissanti, guiderà la liturgia della Parola alle 14.30 nel cimitero di Bolzano a Oltrisarco con la benedizione delle tombe.  “Il mese di novembre è particolarmente dedicato alla memoria e alla preghiera di suffragio di tutti i defunti”, ricorda una nota della diocesi. Il presule, lo stesso giorno, in mattinata, presiederà una la celebrazione eucaristica nel duomo di Bolzano al termine della quale consegna al decano Bernhard Holzer il decreto di nomina a canonico onorario del capitolo della cattedrale di Bressanone. E il giorno successivo un requiem alle 19 nel suo paese natale di Gais in val Pusteria. In questi giorni in molte diocesi tornano anche le processioni all’interno dei recinti dei cimiteri per la benedizione delle tombe.

A Prato, il vescovo Giovanni Nerbini, presiederà il primo novembre la messa delle 15,30 presso l’oratorio del cimitero della Misericordia a cui seguirà la benedizione delle tombe, mentre mercoledì 2 novembre, sempre alle 15,30, sarà invece al cimitero di Chiesanuova per la celebrazione eucaristica e la benedizione.  Mercoledì 2 novembre il vescovo Nerbini celebra la messa capitolare, al termine della quale benedirà il sepolcro dei vescovi con la tomba di mons. Fiordelli mentre venerdì 4 novembre, in occasione della festa dell’Unità nazionale, presiederà la messa per le Forze Armate, le autorità cittadine e le associazioni d’arma.

Nella diocesi di Siena-Colle Val d’Elsa-Montalcino lunedì prossimo la “Notte dei Santi”. Una serata da vivere fra musica e preghiera, in attesa della solennità. La proposta arriva dal Kantiere Kairòs, gruppo cosentino di musica cristiana, che animerà la “Notte dei Santi” presso il palazzetto dello sport del Costone a Monteriggioni (Siena). L’evento, promosso da Pastorale giovanile, ufficio Migrantes e Servizio per le missioni della diocesi in collaborazione con Christian Music Italy e l’emittente María Visión, prenderà il via alle 20 con un breve pellegrinaggio dal Centro pastorale diocesano di Montarioso (Monteriggioni) fino ad arrivare al Pala Costone “Mons. Nazareno Orlandi”. Dopo il concerto della band calabrese, il programma prevede anche una catechesi di don Giacomo Pavanello, la testimonianza di Lorenzo Belluscio accompagnato dai Music&Fair, il contributo sempre in musica dei cantautori Gipo Montesanto, Fabio Fois e Marco Mammoli, che condurrà la serata. Alle 23.30 sarà il card. Paolo Lojudice a presiedere la celebrazione eucaristica.

A Padova il vescovo Claudio Cipolla, nella solennità dei Defunti, celebrerà la santa messa nella cappella del Cimitero Maggiore di Padova alle ore 15; seguirà la processione, accompagnata dal canto delle litanie, lungo i viali del cimitero.

 Quest’anno il presule desidera riservare un particolare ricordo alle persone decedute sul lavoro e celebrare in comunione con le famiglie che hanno perso un parente, con i datori di lavoro e i lavoratori che hanno perso un collaboratore, un collega, un amico. “I questi tempi – sottolinea Cipolla – la cronaca rileva un grave aumento di infortuni e anche decessi sul lavoro. Questo mi preoccupa e mi porta a farmi vicino a chi soffre e a chi si adopera per ridurre i rischi degli incidenti.  Morire nel compimento del proprio dovere quotidiano rende la morte ancor più ingiusta e il dramma lascia un vuoto improvviso negli affetti e spesso lacera le relazioni. Per questo non ci stanchiamo di confidare nel disegno della provvidenza divina e di chiedere a Dio Padre la sua consolazione e la sua forza”. A Milano, sempre lunedì 31 ottobre, percorso di arte e fede per ragazzi alla scoperta del duomo e della santità “per vivere in modo originale e coinvolgente la vigilia della solennità di Tutti i Santi”. Attraverso la Fondazione oratori milanesi (Fom), e “grazie alla collaborazione con la Veneranda Fabbrica del duomo”, la diocesi ambrosiana offre agli adolescenti “un percorso di arte e fede tra le meraviglie del duomo, per approfondire il significato della santità e accompagnarli nella loro crescita”.  Lunedì 31 sera oltre 2mila giovani – utilizzando una app  - si confronteranno con storie, cammini di santità e aspetti curiosi raccontati dalle statue (se ne contano oltre 3mila) e le vetrate che impreziosiscono l’esterno della cattedrale. A conclusione del percorso si terrà in duomo un momento di dialogo e preghiera tra i giovani e l’arcivescovo di Milano, Mario Delpini, e i vescovi ausiliari Giuseppe Vegezzi e Luca Raimondi.

Nella diocesi di Savona-Noli martedì 1novembre, nella Cattedrale Nostra Signora Assunta, il vescovo Calogero Marino presiederà la messa pontificale per la solennità di Tutti i Santi mentre il 2 novembre il vescovo presiederà la liturgia eucaristica per la Vicaria di Savona, in cui benedirà le sepolture dei vescovi ivi collocate. Inoltre sarà presente alle celebrazioni civili. Al Cimitero Monumentale di Zinola alle 10 inizierà la cerimonia di benedizione e deposizione di una corona d’alloro al sacrario dei defunti, deposizione di corone a quello dei partigiani, al cippo dei caduti nella Seconda Guerra Mondiale (Campo V), a quello degli invalidi di guerra (Campo U) e alla lapide dei deportati, benedizione e deposizione dei fiori al cimitero dei bambini. Alle 10,20 nella Cappella Superiore il vescovo Marino presiederà la messa. 

Ti potrebbe interessare