Dalle diocesi, le feste mariane di agosto

L'Italia celebra la solennità dell'Assunta con tradizioni e feste diverse nelle varie regioni

La Vergine acheropita di Rossano
Foto: pd
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Piena estate ormai e la Chiesa si prepara a festeggiare la Madonna dell’Assunta che si celebra la prossima settimana, il 15 agosto.  Tante le iniziative e le celebrazioni previste in molte città e diocesi italiane con processioni che consentiranno a molti fedeli e comunità di rinnovare la tradizione di devozione che si tramanda di generazione in generazione.

In vista dei festeggiamenti già lo scorso mese di luglio nella diocesi di Sora - Cassino-Pontecorvo si è tenuto in Concattedrale (Chiesa Madre) il convegno Mariano “Il ritrovamento della Statua dell’Assunta speranza di rinascita dei fedeli del cassinate”, e una mostra fotografica. A partire dal 6 fino all’8 la solenne novena e il 9 luglio la Tradizionale Messa delle ore 5 del mattino e l’inizio della Peregrinatio penitenziaria con il Simulacro della Madonna verso le parrocchie, attraversando tutte le vie della città. Dal 6  al 14 agosto dalle ore 18:00, comunità unita nella  recita del rosario, della Novena guidata dal frate minore Padre Giacinto De Gianni e la Santa Messa; il 13agosto alle ore 20:30 ci sarà la fiaccolata “Luci per Maria” per le vie adiacenti alla parrocchia; mercoledì 14 agosto diverse celebrazioni  mentre il giorno successivo la processione penitenziale con la statua della Madonna Assunta che si concluderà, come ogni anno con il tradizionale rito dell’inchinata e dell’incoronazione, presieduto dal vescovo Gerardo Antonazzo. Alle ore 12:30 ci sarà, in Concattedrale, la Celebrazione Eucaristica per i residenti all’estero. Giovedì 15 agosto, Solennità dell’Assunta, la messa solenne presieduta dal vescovo Antonazzo seguita dall’atto di affidamento all’Assunta. Nel pomeriggio celebrazione eucaristica e processione per le vie della città .

In Calabria si rinnova la devozione alla Vergine Achiropita, Patrona della diocesi di Rossano -Cariati, che “si mostra a noi come Colei che si prende cura dei suoi figli”. Dalla sera di mercoledì 31 luglio e per tutto il mese di agosto, sono in corso i solenni festeggiamenti: il 31 luglio la “Serenata a Maria”, il 1 agosto, Messa presieduta dall’arcivescovo Giuseppe Satriano. Nei giorni successivi celebrazioni eucaristiche con il vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea, Luigi Renzo; oggi con Domenico Graziani, arcivescovo di Crotone-Santa Severina; domani, 11 agosto con  Franco Milito, vescovo di Oppido Mamertina-Palmi. Lunedì la festa diocesana dell’Achiropita con celebrazione eucaristica presieduta dall’arcivescovo Satriano con tutti i presbiteri della diocesi calabrese. All’alba del 13 agosto  pellegrinaggio in macchina dal Lungomare Sant’Angelo alla Cattedrale, nel quarto anniversario della protezione mariana durante l’alluvione di qualche anno fa mentre il 14 agosto processione per la zona bassa della città.

Il 15 agosto, solennità di Maria SS. Assunta in Cielo -  SS. Achiropita con S. Messa Pontificale presieduta dall’arcivescovo e offerta dell’olio e accensione della Lampada votiva da parte del Sindaco. Nel pomeriggio processione per le vie del Centro Storico. Le celebrazioni si concluderanno il 31 agosto con la Fiaccolata mariana. In questo tempo anche feste diocesane come ieri e oggi nella diocesi di Grosseto in onore del Patrono San Lorenzo. Il vescovo, Rodolfo Cetoloni ha scelto come tema il “tesoro” delle relazioni. Custodire il culto di un santo, farne il patrono, non consiste tanto nel ripetersi rituale di gesti, ma soprattutto nella capacità di vederne la contemporaneità della testimonianza, che dice l’attualità del Vangelo, spiega la diocesi. “Lorenzo – scrive il Vescovo in un passaggio del messaggio 2019 – è una persona forte, esemplare, coraggiosa, capace di interessarsi mettendo in gioco se stesso. La fonte delle sue relazioni fu il messaggio cristiano: ne incontrò la verità immedesimata nei più poveri e la servì in loro. Il martirio fu l’esito alto della sua vita, ma Lorenzo sta dinanzi a noi anche nelle sue scelte quotidiane, nelle sue relazioni limpide, nel suo modo di servire e con la sua fede! Tutti possiamo trovare in lui un esempio”. Ieri sera la processione del santo martire presieduta dall’arcivescovo Franco Agostinelli, amministratore apostolico della diocesi di Prato, per dieci anni (2002-2012) alla guida della diocesi di Grosseto,
insieme al vescovo Cetoloni mentre oggi, solennità di san Lorenzo, alle 11 in cattedrale, messa presieduta da Agostinelli e concelebrata da Cetoloni insieme i sacerdoti della diocesi toscana. Festa anche nella diocesi di Reggio Emilia-Guastalla, per il centesimo compleanno di don Gaetano Incerti, storico cappellano delle “Reggiane”. L’anniversario lunedì 12 agosto.
Nato a San Prospero di Correggio (Re) nel 1919, don Gaetano è sacerdote da 74 anni avendo ricevuto l’ordinazione presbiterale dal vescovo Eduardo Brettoni il 17 marzo 1945, quando la seconda guerra mondiale stava volgendo al termine.

E festa anche nella diocesi di Agrigento per il 50mo anniversario di sacerdozio dell’arcivescovo, il cardinale Francesco Montenegro. E’ stato infatti ordinato l’8 agosto del 1969, nella cattedrale di Messina dall’arcivescovo Francesco Fasola.

 

 

Ti potrebbe interessare