Dalle diocesi, le feste nelle diocesi e la visita del Papa ad Albano

Si riunisce il consiglio permanente della CEI

Il Consiglio permanente della CEI
Foto: pd
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

I vescovi italiani, membri del  Consiglio Permanente della Cei, si ritroveranno a Roma la prossima settimana per la loro sessione autunnale. Ad aprire l’incontro il vice-presidente Mario Meini,
vescovo di Fiesole.

Al centro del dibattito una riflessione sugli Orientamenti pastorali della Chiesa italiana per il quinquennio 2020-2025,  una ripresa e un approfondimento, dopo i lavori dell’Assemblea Generale di maggio, circa Modalità e strumenti per una nuova presenza missionaria e l’ Incontro di riflessione e spiritualità Mediterraneo frontiera di pace che si svolgerà a Bari nel prossimo mese di febbraio alla presenza di Papa Francesco.

Intanto questa settimana il presidente della Cei, il card. Gualtiero Bassetti – che ha celebrato in questi giorni il 25 anniversario di ordinazione episcopale – dopo aver partecipato all’incontro mondiale per la pace a Madrid - ha incontrato a Zelarino (Venezia), i vescovi del Triveneto.

Con loro, fa sapere una nota della Conferenza Episcopale regionale del Triveneto, ha dialogato a lungo su temi e questioni che attraversano oggi la vita della Chiesa (triveneta e italiana) e del mondo, con risorse e debolezze esistenti, tra cui la sfida dell'annuncio e della trasmissione della fede cristiana in un contesto radicalmente mutato e che richiede anche “nuove forme e modalità di azione, formazione e presenza della comunità cristiana sul territorio (situazione e compiti del clero e dei laici, vita religiosa, parrocchie e collaborazioni/unità pastorali ecc.) nonché i possibili modi per accrescere la collaborazione pastorale, la collegialità e la comunione tra queste Chiese” a livello nazionale, regionale e locale.

Il porporato ha quindi partecipato, insieme al Patriarca di Venezia, Francesco Moraglia e diversi presuli, nella basilica cattedrale di San Marco, alla commemorazione del cardinale veneziano Giovanni Urbani - che è stato assistente generale dell' Azione Cattolica Italiana  dal 1946 al 1955, vescovo di Verona dal 1955 al 1958, Patriarca di Venezia dalla fine del 1958 al 1969 ed anche presidente della Cei dal 1965 al 1969 - nell'anniversario esatto dei 50 anni dalla morte.

Attesa grande nella diocesi di Albano, alle porte di Roma, per la visita, oggi, di Papa Francesco che presiederà una celebrazione eucaristica, che per motivi di spazio si tiene nella piazza intitolata a Pio IX e per questo chiamata Piazza Pia, attigua alla cattedrale di San Pancrazio, dice il vescovo Marcello Semeraro aggiungendo a Vatican News, che prima ci sarà “un momento di preghiera più intimo riservato al clero e ad alcune persone che collaborano molto nella Curia diocesana.

Sarà una preghiera litanica, in cui il Papa inviterà il clero a pregare per la Chiesa; io inviterò il clero a pregare per il Papa e ci sarà una successione di intenzioni. Poi i sacerdoti si metteranno in ordine per la processione e il Papa vestirà gli abiti per la celebrazione della Messa”. Semeraro ricorda che la data del 21 settembre rappresenta una data significativa nella vita personale di Papa Francesco: la sua chiamata è avvenuta nel giorno di San Matteo e questo è “il punto di partenza dell’invito rivolto al Santo Padre; ma c’è anche un altro aspetto: il 21 di settembre Papa Benedetto XVI è venuto nella cattedrale, ha celebrato la Santa Messa ed ha dedicato il nuovo altare maggiore che era stato restaurato ed ha inaugurato anche la cattedra episcopale. Per cui questo 21 di settembre per noi è diventato una data simbolica per celebrare l’anniversario della dedicazione della cattedrale, che per noi come chiesa di Albano è anche l’inizio ufficiale di un anno pastorale nuovo, chiedendo l’aiuto del Signore che il Papa invocherà con la sua benedizione”.

Altro momento storico l’hanno vissuto l’Eparchia di Lungro e la diocesi di Rossano-Cariati che hanno ricevuto la visita del Patriarca di Costantinopoli Bartolomeo I. Il patriarca ha parlato del “sogno della piena unione nella fede” e, riferendosi a Papa Francesco, “desideriamo inviargli anche dalla Calabria un caloroso abbraccio”: “il dialogo teologico è progredito di molto ma restano alcuno scandali che rendono difficile il cammino verso l’incontro”. E poi Rossano dove le Chiese di Oriente e Occidente si sono unite in preghiera dinanzi all’icona della Achiropita.

“Santità - ha detto l’arcivescovo di Rossano Cariati, Giuseppe Satriano - Lei è il benvenuto nella nostra terra, benvenuto a Rossano. Questa Comunità Ecclesiale è figlia nella fede della testimonianza autorevole di numerosi monaci orientali approdati su questi lidi nei primi secoli del cristianesimo".

E tornando alla Cei si è svolto a L’Aquila, in settimana, la seconda tappa della Giornata Nazionale organizzata dall’ Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto. “Manutenzione e Prevenzione. La tutela delle persone“ è stato il tema articolato in due giornate durante le quali è intervenuto anche l’arcivescovo, il card. Giuseppe Petrocchi.

Ti potrebbe interessare