Dalle diocesi, l'impegno dei vescovi per avviare il percorso sinodale voluto del Papa

Materiali e documenti della CEI e le lettere dei vescovi per le istituzioni locali

Il logo del Cammino Sinodale
Foto: Chiesacattolica.org
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Nelle diocesi italiane continua il percorso sinodale. La Cei ha pubblicato tutti i documenti e i materiali – testuali e video – per l’animazione del territorio. Sono scaricabili, ad esempio, le indicazioni metodologiche e alcune schede che rappresentano esempi di percorsi pensati per destinatari diversi (Parrocchie e unità pastorali, Uffici diocesani, organismi di partecipazione ecclesiale, gruppi sul territorio e negli ambienti di vita) e per l’ascolto di tutti, oltre che il messaggio ai presbiteri, ai diaconi, alle consacrate e consacrati e a tutti gli operatori pastorali e la Lettera alle donne e agli uomini di buona volontà sono i due testi approvati dal Consiglio Episcopale Permanente delle Cei. 

In occasione della solennità  dell’Immacolata Concezione e nel 365° anniversario del Voto che la cittadinanza di Tivoli fece a Maria Immacolata per la salvezza della peste, il vescovo di Tivoli e di Palestrina, Mauro Parmeggiani, ha dato ufficialmente inizio alla consegna di una sua Lettera indirizzata ai Sindaci del territorio, ai rappresentanti delle Istituzioni civili e militari, ai Presidenti di Associazioni, Pro Loco, Centri per Anziani, gruppi di Protezione Civile, Misericordie, Croce Rossa, Volontariato, Complessi bandistici, Società sportive e a tutti gli uomini e donne del territorio. Il primo a riceverla il sindaco di Tivoli, Giuseppe Proietti e altre Autorità cittadine presenti alla celebrazione. La lettera poi sarà consegnata a tutti attraverso varie modalità (incontri, invii via mail, etc) e tutti potranno rispondere direttamente al vescovo che per tale motivo ha messo a disposizione la sua e-mail personale. 

Nel pomeriggio di domenica prossima,  21 novembre, in contemporanea  in tutte le parrocchie della diocesi di Tursi- Lagonegro si terrà un “tempo di ascolto” aperto a tutti coloro che desiderano dialogare e confrontarsi sulle tematiche proposte. Il vescovo, Vincenzo Orofino, è convinto che “la nostra Chiesa locale vuole mettersi in ascolto di tutti e di tutto il territorio, anche delle realtà sociali e culturali. Vogliamo ascoltare, tessere relazioni buone e costruttive con tutti per contribuire a far nascere spazi di vita buona, solidale, accogliente. Vogliamo metterci in ascolto della storia di questa regione e dei nostri paesi, quella passata e quella contemporanea, quella delle comunità e quella dei singoli, quella religiosa e quella sociale. Vogliamo ascoltare il nostro tempo, il nostro territorio, la cultura in cui siamo immersi”. La Chiesa sinodale di “cui siamo chiamati a essere i protagonisti deve essere una Chiesa che cammina, non statica né bloccata. Una Chiesa in movimento, che cammina con le donne e con gli uomini del nostro tempo, che si pone al servizio del bene integrale delle persone e delle comunità di questo territorio con gesti concreti in ordine alla vita quotidiana di tutti, alla testimonianza della carità, al mondo del lavoro, al vasto e delicato compito educativo, all’amministrazione della ‘Cosa pubblica’ per promuovere il bene di tutti e di ciascuno”. 

Comunicare online in modo sinodale è l’iniziativa della diocesi di Messina-Lipari-Santa Lucia del Mela. L’arcivescovo, Giovanni Accolla, vuole promuovere sempre di più una pastorale integrata e organica e l’ufficio per le Comunicazioni Sociali intende lavorare per “impostare un cammino di sinodalità e condivisione necessario per essere una sola Chiesa. In modo particolare si è, quindi, pensato di riorganizzare la comunicazione online”. Si è pensato di creare dei “mini-siti” per ogni ufficio, dipendenti dal sito della diocesi ma in qualche modo autonomi. Lo scopo è quello di “rendere riconoscibile, integrata, uniforme la comunicazione della diocesi e di tutte le sue parti, ma anche quella di fare in modo che ogni realtà sia coinvolta e responsabile nella gestione delle proprie informazioni e servizi”.

Diversi forum sui temi sinodali sono promossi da giovani nella diocesi di Nola per ascoltare il territorio. Ieri, presso il Seminario vescovile di Nola, il vescovo Francesco Marino e l'equipe diocesana, che coordina le tappe del percorso, hanno incontrato i ragazzi dai 14 ai 18 anni: “abbiamo scelto di iniziare con i giovanissimi perché sono il futuro quasi inascoltato di ogni territorio. Quanto da loro detto verrà raccolto e utilizzato per la stesura della relazione finale che la diocesi di Nola consegnerà poi alla Conferenza episcopale italiana a fine aprile”. “Diamo sapore alle domande” il titolo dell'iniziativa: accolti con una tazza di cioccolata calda e un muffin, i partecipanti sono stati divisi in 5 gruppi di ascolto. 

Questa mattina, nella chiesa del Corpus Domini a Bologna, il card. Matteo Zuppi interverrà al Consiglio pastorale allargato al quale parteciperanno anche i Moderatori delle Zone pastorali, i Vicari episcopali e pastorali insieme ai Direttori degli Uffici diocesani. Si tratta di una delle prime tappe del cammino sinodale della Chiesa di Bologna. I Referenti sinodali diocesani, Lucia Mazzola e monsignor Marco Bonfiglioli, presenteranno le proposte, gli strumenti e il calendario delle iniziative della “fase narrativa” del Cammino sinodale. L’obiettivo – spiegano - è quello di “mettersi in ascolto di quanto lo Spirito sta dicendo alla Chiesa, interrogandosi su quali passi ci invita a compiere per crescere come comunità sinodale, che cammina insieme nell’annuncio del Vangelo. Il Sinodo è un avvenimento della Chiesa universale, ma ogni parte del mondo è chiamata a partecipare e a viverlo secondo le proprie peculiarità”.

 

Ti potrebbe interessare