E’ la festa del patrono di Torino, San Giovanni Battista. Ecco il programma

Messa con l'Arcivescovo
Foto: Diocesi di Torino
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Com’è tradizione, domenica 24 giugno 2018 alle 10.30 in Cattedrale Monsignor Nosiglia, Arcivescovo di Torino, presiede la S. Messa per la festa patronale di San Giovanni Battista.

A consueti eventi a cura della Città di Torino si aggiungono due iniziative diocesane.

In occasione della festività di san Giovanni, la comunità parrocchiale del Duomo di Torino festeggia il suo patrono con quattro appuntamenti. Venerdì 15 alle 21 si tiene la lettura drammatica di “Assassinio nella cattedrale”, liberamente tratta dalla rappresentazione di Thomas Stearns Eliot. Partecipano alla lettura Andrea Giordana, Melania Giglio, Alfonso Veneroso, Daniele Salvo e Martino Duane. Sabato 16 alle 14 festa della comunità per tutti i giovani in piazza San Giovanni con fiabe da ascoltare, “amici a 4 zampe”, attività di pittura e caccia al tesoro; alle 18 Messa ed alle 21 concerto “Carpe Deum”, la spiritualità nelle canzoni. Lunedì 18 alle 21 salmi pregati con il linguaggio del corpo con “SalmInDanza “. Infine giovedì 21 alle 21 il concerto dell’Accademia della Cattedrale.

Nella giornata di domenica 24 giugno avrà luogo la rassegna intitolata “Campane in festa per San Giovanni”, una serie di concerti di campane proposti dai principali campanili torinesi secondo il seguente programma:ore 9.15: Basilica di Maria Ausiliatrice (zona Valdocco) ore 10.00: Cattedrale di San Giovanni (zona Centro) ore 11.00: Chiesa di San Gioacchino (zona Porta Palazzo) ore 11.30: Chiesa della Piccola casa della divina provvidenza (Cottolengo) ore 12.00: suonata in simultanea di tutti i campanili, ore 12.15: Chiesa delle Stimmate di San Francesco (zona Parco Dora) ore 16.30: Chiesa del Gesù Adolescente (borgo San Paolo) ore 17.30: Chiesa del Patrocinio di San Giuseppe (zona Lingotto) ore 18.00: Chiesa del Sacro Cuore di Gesù (zona Nizza Millefonti) ore 19.00: Chiesa dei Santi Apostoli (zona Mirafiori sud).

Le campane saranno suonate a festa in manuale o in elettrico manuale dai membri del gruppo CampaneTo. L’obiettivo è valorizzare i concerti campanari presenti in città secondo le antiche suonate tradizionali del territorio e solennizzare il giorno del patrono con il suono della festa per eccellenza.

Questa iniziativa rientra in un progetto più ampio di ricerca e scoperta del patrimonio e della musica campanaria del torinese che il gruppo CampaneTo sta portando avanti da diversi anni tramite lo studio delle tradizioni locali e il loro conseguente recupero. Infatti oltre a suonare le campane nelle feste patronali il gruppo si impegna a trascrivere e trasportare le melodie originarie sui computer dei singoli campanili e di programmarle nelle varie occasioni. Dal punto di vista documentario sta censendo tutti i concerti reperendo iscrizioni, anno di fusione, fonditore e iconografia dei singoli bronzi tramite ricerche negli archivi parrocchiali e sopralluoghi in loco.

 

 

Ti potrebbe interessare