Ecco l'inno della GMG di Lisbona 2023

L’inno, intitolato Há Pressa no Ar (C’è fretta nell’aria), è ispirato al tema della prossima GMG: "Maria si alzò e andò in fretta"

Logo Lisbona 2023
Foto: Organizzatori Lisbona 2023
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Nel secondo anniversario della Messa conclusiva della 34a Giornata Mondiale della Gioventù di Panama, il Comitato Organizzatore di Lisbona ha presentato l’inno ufficiale della prossima edizione internazionale della GMG che si svolgerà nella capitale portoghese nel 2023.

Un comunicato stampa della Sala Stampa della Santa Sede ha diffuso nelle varie lingue quello che sarà l'inno dei giovani di tutto il mondo nel 2023. "Perché l’inno della GMG non è solo uno strumento di promozione dell’evento, ma soprattutto una preghiera che, tradotta in diverse lingue, risuona nelle realtà locali della Chiesa", scrivono sul sito del Dicastero Laici, Famiglia, Vita.

"Nel cantare questo inno, i giovani di tutto il mondo sono invitati a identificarsi con Maria, disponendosi al servizio, alla missione e alla trasformazione del mondo", spiegano gli organizzatori di Lisbona nel comunicato ufficiale.

L’inno, intitolato Há Pressa no Ar (C’è fretta nell’aria), è ispirato al tema della prossima GMG: Maria si alzò e andò in fretta (Lc 1,39). Il testo è stato scritto da P. João Paulo Vaz e la musica composta da Pedro Ferreira, insegnante e musicista, entrambi della diocesi di Coimbra, nel centro del Portogallo. Gli arrangiamenti sono stati fatti dal musicista Carlos Garcia.

La presentazione tanto attesa era prevista per le 11 da Lisbona (le 12 da Roma) ed è stata realizzata attraverso i social network di WYD, Facebook e Youtube, e il sito lisboa2023.org, oltre a vari social media che si uniscono a questo momento importante.

"La presentazione dell'inno ufficiale nell’anniversario della precedente GMG ci ricorda anche che questi incontri sono come una staffetta che continua negli anni e porta buoni frutti sia ai partecipanti che alla Chiesa locale che li accoglie", scrivono ancora dal Dicastero.

 

Ti potrebbe interessare