Festival di Sanremo, il Vescovo Suetta: "Basta attacchi continui e ignobili alla fede"

Dura presa di posizione del Vescovo di Sanremo, Monsignor Antonio Suetta, contro l’esibizione di Achille Lauro nella serata inaugurale del Festival della Canzone Italiana 2022

Monsignor Antonio Suetta
Foto: Diocesi di Sanremo
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Dura presa di posizione del Vescovo di Sanremo, Monsignor Antonio Suetta, contro l’esibizione di Achille Lauro nella serata inaugurale del Festival della Canzone Italiana 2022.

La penosa esibizione del primo cantante – ha scritto il presule - ancora una volta ha deriso e profanato i segni sacri della fede cattolica evocando il gesto del Battesimo in un contesto insulso e dissacrante”.

“Non stupisce peraltro – ha proseguito Monsignor Suetta - che la drammatica povertà artistica ricorra costantemente a mezzi di fortuna per far parlare del personaggio e della manifestazione nel suo complesso.

“Ho ritenuto che sia più necessario – ha concluso il Vescovo - dare voce a tante persone credenti, umili e buone, offese nei valori più cari per protestare contro attacchi continui e ignobili alla fede; ho ritenuto doveroso denunciare ancora una volta come il servizio pubblico non possa e non debba permettere situazioni del genere, sperando ancora che, a livello istituzionale, qualcuno intervenga; ho ritenuto affermare con chiarezza che non ci si può dichiarare cattolici credenti e poi avvallare ed organizzare simili esibizioni; ho ritenuto infine che sia importante e urgente arginare la grave deriva educativa che minaccia soprattutto i più giovani con l’ostentazione di modelli inadeguati. Soprattutto sono convinto di dover compiere il mio dovere di pastore affinché il popolo cristiano, affidato anche alla mia cura, non patisca scandalo da un silenzio interpretato come indifferenza o, peggio ancora, acquiescenza”.

Ti potrebbe interessare