Fiat lux, il creato sulla cupola di San Pietro

Una delle foto proiettate
Foto: Fiat lux
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

"Fiat Lux: illuminare la nostra casa comune", è il tema di un evento che diventa opera d’arte. 

L’ 8 dicembre sera la facciata della basilica di San Pietro diventerà un enorme schermo per le foto. E che foto. Immagini splendide della natura di tutto il mondo saranno proiettate sulla facciata della Basilica di San Pietro componendo un'opera d'arte contemporanea che racconta la storia visiva della dipendenza reciproca degli uomini e della vita sulla terra con il pianeta, al fine di educare e ispirare un cambiamento sui temi del cambiamento climatico senza distinzione di generazioni, culture, lingue, religioni e classi.

L'installazione di arte architettonica pubblica su grande scala si ispira ai temi del cambiamento climatico, della dignità umana e delle creature viventi sulla terra contenuti nell'Enciclica "Laudato Si'" di Papa Francesco. Programmato per essere proiettato in contemporanea  non solo al Giubileo, ma anche al Conferenza di Parigi - COP21, è un'occasione storica per sensibilizzare i cittadini del mondo a creare un movimento globale per proteggere la nostra casa comune. La proiezione potrà essere vista dal vivo da chi si trova in Piazza San Pietro, in diretta televisiva attraverso i network mondiali presenti e anche in streaming via internet.

La proiezione presenta il lavoro di alcuni dei più importanti fotografi e cineasti su scala globale che hanno dedicato il loro lavoro alla vita dell’ uomo e della natura: tra questi Sebastião Salgado (Genesi e Contrasto), Joel Sartore (National Geographic Photo Ark), Yann Arthus Bertrand (Human), David Doubilet, Ron Fricke e Mark Magidson (Samsara), Howard Hall, Shawn Heinrichs, Greg Huglin, Chris Jordan, Steve McCurry, Paul Nicklen e Louie Schwartzberg. La proiezione è curata da Louie Psihoyos e Travis Threlkel, ed è prodotta da Obscura Digital.

A partire dalle 19:00 e fino alle alle 22:00 Piazza San Pietro diventa un grande scenario di arte fotografica. 

Carole Tomko, Vice Presidente di Vulcan, Inc. Auspica che “questa meravigliosa e contemporanea opera d’arte pubblica ispiri i cittadini del mondo a riunirsi in un momento di consapevolezza e a mettere in moto un movimento globale volto a proteggere l'umanità, la nostra casa comune e le preziose specie minacciate.”

Jim Yong Kim, Presidente della Banca Mondiale, ricordato che “le persone più povere al mondo sono colpite in modo smisurato dagli effetti del riscaldamento climatico e sono più vulnerabili ai disastri naturali e a condizioni meteorologiche estreme. Questa eccezionale iniziativa attirerà l'attenzione globale sull'urgenza di affrontare il cambiamento climatico per la salvaguardia delle persone e del nostro pianeta.”

Per seguire lo streaming in diretta dell'evento c’è un sito OurCommonHome.world

Ti potrebbe interessare