Finding Vince 400, inizia il festival del cinema della carità

Il logo della manifestazione
Foto: FindingVince
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Si apre domani 18 ottobre  Finding  Vince  400”  (FV400) prosegue fino al 21 ottobre ,  il  Festival  Internazionale Cinematografico ed il concorso dedicati a San Vincenzo de’ Paoli per raccontare  la  globalizzazione  della  carità. La sede la cittadina della residenza estiva dei Papi  Castel Gandolfo vicino Roma, al Centro Mariapoli.

Creativi, narratori, sceneggiatori sono chiamati a raccontare attraverso più espressioni artistiche la povertà in un modo nuovo e originale. I partecipanti a FV400 si sono impegnati  nel tentativo  di  cambiare  lo  sguardo  della  nostra  società  verso  la  povertà  e  le  nuove forme di privazione che affliggono le donne e gli uomini nel mondo e trasmetteranno così  il  carisma  della  Famiglia Vincenziana nell’obiettivo di globalizzare la carità attraverso l’immaginazione e la creatività.

“Finding Vince 400" non è solo cinema: accanto alle proiezioni di lungometraggi e  corti ricordiamo anche le discussioni con gli artisti sull’arte e sul significato della loro attività. I temi della povertà, della compassione e della comunione con Dio innerveranno ogni ambito del Film Festival con la freschezza del Carisma Vincenziano: ci saranno ad esempio anche mostre interattive che si avvarranno della creatività dei partecipanti al festival. Artisti, cineasti, storici, fotografi, scrittori, artisti disposti a parlare della propria vocazione si confronteranno con il pubblico presente.

Numerosi sono gli artisti di fama internazionale che hanno aderito all’iniziativa inviando un proprio personale messaggio di adesione e vicinanza a Finding Vince 400 e che saranno presenti in queste giornate, tra cui Clarence Gilyard, noto in particolare per i ruoli del ranger James Trivette in Walker Texas Ranger e dell'investigatore privato Conrad McMaster in Matlock e per aver recitato in pellicole importanti quali Die Hard e Sheree J. Wilson conosciuta prevalentemente per la interpretazione di April Stevens nella serie televisiva Dallas e di Alexandra "Alex" Cahill-Walker in Walker Texas Ranger.

Tra coloro che hanno supportato con grande convinzione ed entusiasmo “Finding Vince 400” anche Martin Sheen che nella sua lunga carriera ha collezionato sei nomination per gli Emmy Awards come Miglior interprete principale in una serie televisiva, per il suo ruolo in West Wing - Tutti gli uomini del Presidente, per il quale ha anche vinto un Golden Globe e due SAG Awards.

Attesissima inoltre la presenza dell’attore Jim Caviezel, il Cristo del film The Passion di Mel Gibson, che sarà presente ad alcuni momenti del Festival ma che sopratutto racconterà la sua testimonianza sabato 20 ottobre a Roma, all’Auditorium Conciliazione quando il Festival si “sposterà” nella capitale per l’evento organizzato dalla Famiglia Vincenziana in collaborazione con il Sinodo dei Vescovi: “Quando la Carità ti chiama”.

Questo evento è l’occasione per riflettere, con il linguaggio dell’arte, sulla Carità, sull’amore di Dio vissuto nei poveri e negli ultimi che ha cambiato la vita di San Vincenzo de’ Paoli e che ancora ogni giorno chiama donne e uomini in ogni parte del mondo a contrastare nuove forme di povertà. Jim Caviezel insieme a Piera degli Esposti, Massimo Popolizio, Sarah Maestri e Giovanni Scifoni, Ron e Gen Verde interverranno per rendere testimonianza all’azione di san Vincenzo de’ Paoli all’inizio del quinto secolo di vita del carisma vincenziano, in un racconto per immagini, musica e spettacolo con la regia di Andrea Chiodi e presentato da Arianna Ciampoli.

 

Ti potrebbe interessare