Il Cardinale Filoni in visita in Zambia

ll Cardinale Filoni in Zambia
Foto: Radio Vaticana
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il lavoro pastorale dei primi missionari, il ruolo della famiglia e l’importanza di mantenere la comunione fraterna: sono i temi della visita in Zambia del Cardinale Fernando Filoni, prefetto della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli.

Prosegue dunque il viaggio in Africa del Prefetto di Propaganda Fide, che il 7 novembre ha subito incontrato la conferenza episcopale locale portando il saluto e la benedizione di Papa Francesco.

È l’agenzia Fides a riferire i temi che sono stati affrontati dal porporato nel suo viaggio. Parlando con i vescovi locali, il Cardinale si è detto felice di essere in Zambia durante la celebrazione del vostro Giubileo per i 125 anni del cattolicesimo in Zambia, inaugurato lo scorso agosto!”

“Cari fratelli – ha detto il Cardinale - voi seguite le orme dei grandi missionari che così coraggiosamente e disinteressatamente hanno lavorato per portare la Buona Novella a questa terra benedetta”.

Il numero 1 del dicastero delle missioni ha ricordato l’impegno di padre van Olsten e dei suoi confratelli, che fondarono la prima missione in Zambia, nonché la figura di Joseph Dupont, primo vescovo consacrato lì. E ha esortato tutti a “continuare ad assumere la responsabilità personale di evangelizzare”.

Il Cardinale Filoni ha poi evidenziato l’importanza dell’Esortazione apostolica “Evangelii Gaudium” di Papa Francesco, ha richiamato quanto il Papa disse ai vescovi dello Zambia nella loro visita ad limina del 2014 ed ha ribadito l’attualità del Decreto conciliare Ad Gentes. Ma – ha rilevato – “la strada dell’evagenlizzazione non è facile”, perché “anche qui vi trovate di fronte a particolari sfide che riguardano le minacce contro la vita della famiglia e i valori del Vangelo connessi”. Ha quindi esortato i vescovi a continuare a sostenere “il santuario della vita” che è la famiglia, con pazienza e fermezza, inoltre “la pazienza missionaria contribuirà anche a promuovere una cultura di dialogo, di cui Papa Francesco parla spesso, tanto necessaria a livello sociale e politico qui in Zambia”.

Il Cardinale ha quindi incoraggiato i vescovi nell’utilizzare i mezzi di comunicazione sociale per diffondere il Vangelo, ha raccomandato la promozione delle vocazioni sacerdotali e ha chiesto una adeguata formazione.

Quindi, il porporato ha poi messo in guardia i vescovi dello Zambia sulle “tentazioni di sfiducia e scetticismo causate dalle differenze culturali”, evidenziando l’importanza di cercare e mantenere la comunione fraterna, importante per l'unità del popolo di Dio e della società in generale. Infine ha raccomandato di essere vicini amorevolmente a tutti quelli che il Signore ha loro affidato, in particolare ai sacerdoti, di promuovere la vita religiosa e di essere disponibili per i laici, “che sono parte integrante del lavoro di evangelizzazione in Zambia”.

Ti potrebbe interessare