Il Movimento apostolico ciechi premia le parrocchie che includono i non vedenti

Anche quest'anno il Movimento apostolico ciechi indice un premio intitolato “Don Giovanni Brugnani – parrocchie inclusive”

Locandina
Foto: MAC
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Anche quest'anno il Movimento apostolico ciechi, grazie a un lascito ricevuto, indice un premio intitolato “Don Giovanni Brugnani – parrocchie inclusive”. Un premio alle parrocchie che includono i non vedenti nelle attività e nella liturgia.

Il Movimento Apostolico Ciechi metodologicamente individua tre ambiti in cui sviluppare la propria unica azione sociale definendoli aree di attività: area per l’inclusione ecclesiale, area per la promozione sociale, area per la cooperazione tra i popoli.

Nel 1960, il 25 Ottobre, Papa Giovanni XXIII riconosce, ad experimentum, come associazione nazionale in Italia "la Crociata" ( così veniva chiamato prima il Movimento) chiedendo di denominarla "Movimento Apostolico Ciechi" e nel 1961 si tiene il primo congresso, congresso che si terrà regolarmente ogni 3 anni fino al 1985, e poi ogni quattro anni.

Il premio, intitolato a don Giovanni Brugnani, sacerdote che si è speso molto per la missione del MAC, è rivolto alle parrocchie che si attivano e si impegnano per includere nella loro vita e nelle loro attività le persone con disabilità.

Saranno attribuiti due premi, rispettivamente di 1.000 e di 500 euro, alle parrocchie classificate prima e seconda. I parroci potranno presentare la richiesta di partecipazione entro e non oltre il 31 maggio 2022.

Si legge sul sito del MAC, le finalità del premio sono: dare impulso al principio che, nell'ottica del Progetto globale di Vita, "l'inclusione è sempre possibile"; diffondere le pratiche di inclusione ecclesiale della persona con disabilità visiva e/o con altra disabilità, realizzate all'interno delle parrocchie. https://www.movimentoapostolicociechi.it/in-programma/bandi-e-concorsi/493-premio-don-giovanni-brugnani-2022 Qui tutte le info.

 

Ti potrebbe interessare