Papa Francesco ai giovani del Madagascar: "Con Gesù ci sono sempre nuovi orizzonti"

Papa Francesco incontra i giovani del Madagascar nel campo diocesano di Soamandrakizay per una veglia di preghiera

Il Papa in Madagascar durante la Veglia con i giovani
Foto: Edward Pentin / ACI Group
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Papa Francesco conclude il suo pomeriggio ad Antananarivo, in Madagascar, con i suoi amati giovani. Li incontra tutti nel campo Diocesano di Soamandrakizay, non lontano dal centro della città. Li ascolta, si diverte con le loro danze e i loro canti, ricchi di vita, di entusiamo e di colori. E dopo il suo discorso, affida alla Madonna i giovani tutti del Madagascar .

Il Papa è accolto dal saluto di Monsignor Fulgence Razakarivony, Vescovo di Ihosy e Presidente della Commissione episcopale per i giovani. "Mi dà tanta gioia poter vivere con voi questa veglia alla quale il Signore Gesù ci invita", esordisce Francesco.

"Il discepolo di Gesù -commenta il Papa subito dopo aver ascoltato le testimonianze dei due giovani Rova Sitraka e Vavy Elyssa tra aspirazioni e fede- se vuole crescere nella sua amicizia, non deve rimanere immobile, a lamentarsi e guardare a sé stesso. Deve muoversi, agire, impegnarsi, sicuro che il Signore lo sostiene e lo accompagna. Per questo mi piace vedere ogni giovane come uno che cerca".

Rova racconta a Francesco la sua esperienza come missionario in carcere. Il Papa apprezza la sua missione: "Nella tua missione, hai imparato a rinunciare agli aggettivi e a chiamare le persone col loro nome, come fa il Signore con noi. Lui non ci chiama col nostro peccato, coi nostri errori, i nostri sbagli, i nostri limiti, ma lo fa con il nostro nome; ognuno di noi è prezioso ai suoi occhi, Il diavolo, invece, pur conoscendo i nostri nomi, preferisce chiamarci e richiamarci continuamente coi nostri peccati e i nostri errori; e in questo modo ci fa sentire che, qualunque cosa facciamo, nulla può cambiare, tutto rimarrà uguale. Il Signore non agisce così. Il Signore ci ricorda sempre quanto siamo preziosi ai suoi occhi, e ci affida una missione".

Il Papa parla poi al cuore dei giovani malgasci spesso segnati dalle numerose difficoltà del loro Paese: "Un’amarezza, non so se sia vero... ma c’è il rischio per voi di pensare: È così... niente può cambiare e nessuno ci può far nulla. Soprattutto quando non si dispone del minimo necessario per combattere giorno per giorno; quando le effettive opportunità di studiare non sono sufficienti; o per coloro che si rendono conto che il loro futuro è bloccato a causa della mancanza di lavoro, della precarietà, delle ingiustizie sociali..., e che quindi sono tentati di arrendersi. Il Signore è il primo a dire: no, non è questa la via. Egli è vivo e vuole che anche tu sia vivo. Con Gesù, ci sono sempre nuovi orizzonti. Attraverso di voi, il futuro entra nel Madagascar e nella Chiesa!".

Il Papa poi a braccio fa una richiesta: "Vorrei che tutti insieme dicessimo Nessuno può dire non ho bisogno di te!".  

Francesco conclude il suo discorso durante la Veglia di preghiera: "Siamo una grande famiglia e possiamo scoprire, cari giovani, che abbiamo una Madre: la protettrice del Madagascar, la Vergine Maria. Sono sempre stato colpito dalla forza del sì di Maria da giovane. Era giovane come voi. Quella ragazza oggi è la Madre che veglia sui suoi figli che camminano nella vita spesso stanchi, bisognosi, ma che desiderano che la luce della speranza non si spenga. Questo è ciò che vogliamo per il Madagascar, per ciascuno di voi e per i vostri amici: che la luce della speranza non si spenga".

Secondo gli organizzatori sono presenti alla Veglia circa 100,000 giovani.

 

 

 

 

Ti potrebbe interessare