Il Vescovo di Molfetta: "Il Papa e Don Tonino sono speculari"

Monsignor Domenico Cornacchia, Vescovo di Molfetta
Foto: Daniel Ibanez CNA
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Papa Francesco ha salutato Molfetta ed è tornato in Vaticano, lasciando in questa cittadina pugliese gioia e speranza. Ne è convinto Monsignor Domenico Cornacchia - vescovo di Molfetta e successore di Don Tonino Bello come pastore di questa diocesi - che in questa intervista ad ACI Stampa racconta le sue emozioni e le sue speranze al termine della visita del Papa. 

Penso, senza fare torto alle altre zone d’Italia, che la nostra sia una terra felicissima, una terra molto sensibile, attaccata al cielo e al contesto socio-economico-culturale in cui vive. Vale a dire che difficilmente il ricordo di questa bella giornata cadrà nel vuoto. Sono certo che la risonanza rimarrà a lungo nei nostri cuori e mi auguro che sia come un risucchio di un getto che possa guidarci verso scelte concrete, anche ardite, non facili che ci portino verso una terra di giustizia, di solidarietà, di condivisione, di aiuto verso i disoccupati, gli immigrati.

Questa è la terra di Don Tonino Bello, a 25 anni di distanza il Papa ci parla di quella cultura dello scarto che Don Tonino combatteva. Quanto siamo rimasti fermi in questo quarto di secolo?

Forse lei ha ragione, non è cambiato molto però noi sappiamo che anche lo stesso messaggio evangelico è stato consegnato a noi 20 secoli fa e sappiamo quanta strada deve ancora fare. Il Vangelo trova un terreno arido e difficile che va ancora dissodato e preparato e ciò che è stato seminato deve essere coltivato. Pertanto i tempi biblici sono lunghi e l’importante è cominciare. Il Signore non guarda al quantum. Il Signore ha premiato Pietro riempiendogli le reti perché si è fidato di Lui. 

Lei si aspettava questa sorpresa, questa visita da parte del Papa?

Io l’ho sempre sognato. Devo confessare che ho sempre sognato che questo giorno si potesse avverare. Immaginate la mia gioia quando sono stato chiamato in Vaticano e mi hanno detto che il Papa sarebbe venuto il 20 aprile, il giorno in cui celebriamo il giorno della nascita al cielo di questo santo vescovo. Per me è stata una gioia grande e sono convinto che il Signore guarda nel cuore e se noi crediamo davvero Lui esaudirà i nostri desideri.

Che somiglianze vede tra Don Tonino Bello e Papa Francesco? 

Direi che sembrano l’uno il prolungamento dell’altro. Una immagine speculare dell’altro. A volte succede quello che ho sempre immaginato: l’amore o trova o rende simili. Se c’è un interesse comune due persone si avvicinano, possono essere difformi in tante cose ma a forza di guardare un obiettivo comune entrambi camminano e diventano più affini. E la parola affine significa ad finem: due persone che guardano il medesimo fine. 

Ti potrebbe interessare