La Basilica di San Miniato al Monte, fra cielo e terra

Raccontando le Basiliche d'Italia, oggi siamo a San Miniato al Monte, in uno dei luoghi più panoramici della bella Firenze

San Miniato al Monte
Foto: AG / ACI Stampa
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

La basilica abbaziale di San Miniato si trova in uno dei luoghi più elevati e panoramici della città di Firenze. "Questa è la Porta del Cielo", c'è scritto sul cartiglio marmoreo all'entrata dell'Abbazia, un capolavoro del romanico fiorentino.

San Miniato, seconda la leggenda, fu decapitato sulle rive del fiume Arno e con la propria testa nelle mani sarebbe andato a morire sulla sommità del colle: in questo luogo fu eretto un oratorio, ricostruito in chiesa nel 1018. I monaci dell'ordine benedettino, che la fondarono, aderirono in seguito alla congregazione Cluniacense e infine furono sostituiti, nel 1373, da quelli della congregazione Olivetana, che vi abitano tutt'oggi.

L’interno conserva opere di grande valore, come la Cappella del Crocifisso di Michelozzo, con le volte in terracotta invetriata di Luca della Robbia, e la Cappella del Cardinale del Portogallo. Nella sagrestia si possono ammirare gli affreschi sulla vita di San Benedetto di Spinello Aretino.

I veri protagonisti dell'abbazia fiorentini sono i monaci. Famosissima nel mondo è la farmacia monastica di San Miniato, "i fratelli sono impegnati nella fabbricazione di pregiate candele in cera d’api, nella preparazione artigianale di squisiti dolci al cioccolato, crostate alla marmellata e biscotti vari", scrivono sul sito ufficiale dell'abbazia.

Nella basilica di San Miniato al Monte è presente una meridiana solstiziale tra le più antiche ancora funzionanti in Europa.

Ti potrebbe interessare