La COSEA: che cosa era, quale è stato il suo lavoro

Una vista della Cupola di San Pietro dalla Domus Sanctae Marthae
Foto: Bohumil Petrik / CNA
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

L’acronimo COSEA è arrivato solo dopo. All’inizio, si chiamava molto più pomposamente Pontificia Commissione Referente di Studio e di Indirizzo sull’Organizzazione della Struttura Economico-Amministrativa della Santa Sede. Era stata istituita con un chirografo il 18 luglio del 2013, e faceva seguito di circa un mese all’altra Pontificia Commissione referente stabilita da Papa Francesco, quella incaricata di valutare la situazione dello IOR e una sua possibile riforma, e poi conosciuta con l’acronimo di CRIOR. Ma la vera novità della COSEA era di essere composta nella quasi totalità da laici.

Unico ecclesiastico, Monsignor Lucio Vallejo Balda, segretario della Prefettura degli Affari Economici, che fungeva da Segretario alla COSEA, oggi oggetto delle indagini per la fuga di documenti. Gli altri membri erano: Joseph F.X. Zahra, che fungeva da presidente; Jean-Baptiste de Frannsu; Enrique Llano; Jochen Messemer; Jean Videlain-Sevestre; George Yeo; e Francesca Immacolata Chaouqui, anche lei oggetto delle indagini sulla fuga dei documenti.

Compito della COSEA era quello di analizzare i dipartimenti economici vaticani e fare eventuali proposte per la razionalizzazione delle loro attività. Per tutto il tempo in cui è stata in vigore, la commissione ha avuto libero accesso ai libri contabili degli enti vaticani, ha incontrato dipendenti, ha stilato le sue proposte per farne un sistema economico più efficiente e razionale.

Nel farlo, si erano avvalsi anche di molte società di consulenza esterne, come la McKinsey, la KPMG e la Ernst & Young, per cui tra l’altro lavorava Francesca Immacolata Chaouqui al tempo dell’incarico in Vaticano.

Il 24 febbraio 2014, Papa Francesco stabilisce la Segreteria per l’Economia e il Consiglio per l’Economia con il motu proprio Fedelis Dispensator et Prudens. Raccogliendo alcuni dei suggerimenti della COSEA, il Papa sostituisce il vecchio Consiglio dei 15 (ovvero il Consiglio per lo studio dei problemi organizzativi ed economici della Santa Sede, tutto formato da cardinali) con il Consiglio per l’Economia, una sorta di ministero delle Finanze. A sedere nel Consiglio, non più solo cardinali, ma otto cardinali e sette laici.

I cardinali sono: Reinhard Marx, Juan Luis Cipriani Thorne, Daniel N. DiNardo, Wilfrid Fox Napier, Jean-Pierre Ricard, Norberto Rivera Carrera, John Tong Hon, Agostino Vallini. Di questi, solo i cardinali Marx e Di Nardo non erano stati membri del Consiglio dei 15. I membri laici sono: Joseph F.X. Zahra, Jean-Baptiste de Franssu, John F. Kyle, Enrique Llano Cueto, Jochen Messemer, Francesco Vermiglio, George Yeo.

Si può notare come – tra i membri laici – figurino alcuni dei membri più in vista della COSEA, quelli che poi erano stati più attivi nel collaborare e nel delineare gli interventi di riforma. Uno di questi membri, Jean Baptiste de Franssu, è stato poi scelto come presidente dell’Istituto per le Opere di Religione.

Oltre al Consiglio per l’Economia, con il motu proprio il Papa aveva anche stabilito la Segreteria per l’Economia, destinata a prendere il posto della Prefettura degli Affari Economici.

Il lavoro della COSEA, così come quello della CRIOR, si è formalmente concluso il 22 maggio 2014: era terminato il passaggio delle consegne per la riforma alla Segreteria per l’Economia e al Consiglio per l’Economia.

Il 9 luglio 2014, il Cardinale George Pell, prefetto della Segreteria per l’Economia, ha presentato la grande riforma dell’economia vaticana. La riforma ha preso le mosse dai “dieci punti” delineati della COSEA per riformare le finanze vaticane. Al primo posto, il sistema pensionistico.

E infatti, è stato nominato un comitato tecnico per la riforma del sistema pensionistico vaticano, guidato dal Segretario prelato del Consiglio per l’Economia, monsignor Brian Ferme. Il comitato è composto da quattro esperti laici: Bernhard Kotanko (Austria), Andrea Lesca (Italia), Antoine de Salins (Francia), Nino Savelli (Italia). Il comitato si incontrerà con rappresentanti del Consiglio per l’Economia, della Segreteria di Stato e del Fondo Pensioni.

Altro tema studiato a fondo dalla COSEA, quello della riforma del “comparto comunicazione” del Vaticano. Una commissione e poi un comitato sulla comunicazione hanno portato alla recente formazione di un nuovo dicastero, la Segreteria per la Comunicazione.

Ti potrebbe interessare