La Diocesi di Roma: VII Prefettura, il quartiere Trieste

Il viaggio di ACI Stampa alla scoperta delle 36 prefetture della Diocesi di Roma

La basilica parrocchiale di Sant'Agnese fuori le mura
Foto: pubblico dominio
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

La VII Prefettura della Diocesi di Roma si estende sui territori dei quartieri Trieste e Salario. Le 7 parrocchie della Prefettura fanno capo al Settore Nord.

La Basilica minore di Sant’Agnese fuori le Mura, nel quartiere Trieste, venne fatta erigere nel VII secolo. Tra il 1479 e il 1700 ha subito numerosi restauri e modifiche fino a raggiungere l’aspetto odierno. Vi sono conservate le reliquie di Sant’Agnese e di Santa Emerenziana. Affidata ai Canonici Regolari del Santissimo Salvatore Lateranense, è titolo cardinalizio assegnato al Cardinale Camillo Ruini.

La parrocchia dei Sacri Cuori di Gesù e Maria è stata edificata nel 1957. E’ affidata al clero diocesano ed è sede cardinalizia, assegnata al Cardinale Edoardo Menichelli.

Ancora nel quartiere Trieste si trova la parrocchia di Santa Emerenziana. Costruita tra il 1940 ed il 1942, è affidata al clero diocesano. Il titolare della chiesa è il Cardinale ivoriano Jean Pierre Kutwa.

La parrocchia di Santa Maria Goretti è stata costruita tra il 1953 ed il 1954. Affidata al clero diocesano, è una diaconia al momento vacante dalla morte del Cardinale Prosper Grech che ne è stato il primo titolare.

Eretta nella seconda metà degli anni ’30 del secolo scorso la parrocchia di San Saturnino si trova anch’essa nel quartiere Trieste. Affidata al clero diocesano, dal 2003 è titolo cardinalizio il cui titolare è il Cardinale nigeriano Onaiyekan.

La parrocchia della Santissima Trinità a Villa Chigi – quartiere Trieste – è stata costruita tra il 1975 ed il 1979. E’ affidata ai Padri Stimmatini.

Nel quartiere Salario, infine, ecco la parrocchia di Santa Maria della Mercede e Sant’Adriano. La costruzione della chiesa fu completata nel 1958. Affidata ai Mercedari, è una diaconia diventata titolo presbiterale pro hac vice, assegnato al Cardinale Albert Vanohye.

Ti potrebbe interessare