La preghiera del Rosario come regalo per i 120 anni della nascita di Piergiorgio Frassati

Una catena di preghiera che si ripete ogni anno

Piergiorgio Frassati
Foto: www.tipiloschi.com
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Oggi, 6 aprile,  è il 120 esimo compleanno di Pier Giorgio Frassati e come ogni anno, gli amici gli fanno un regalo: una preghiera, un Rosario con Pier Giorgio per tutti i giovani per chiedere che siano sostenuti e illuminati dalla grazia della castità.

Come spiegano gli organizzatori, la ragione di un’intenzione così particolare, lo stesso uso di una parola così poco abituale e così impopolare, è dovuta al fatto che quest’anno ricorrono i cento anni da quando Pier Giorgio si iscrisse ad una confraternita chiamata “Milizia Angelica*”, finalizzata a insieme sostenere la virtù della castità, sotto il patrocinio di san Tommaso d'Aquino e della Beata Vergine Maria. Ed è bellissimo che questo centenario capiti proprio nell’anno che il Papa ha dedicato a San Giuseppe.

Con l’adesione alla “Milizia Angelica”, Pier Giorgio ha compiuto un gesto, pietra angolare della sua carità. La castità infatti riguarda tutti gli aspetti della vita, poiché noi possiamo essere fisicamente casti ma egoisti, orgogliosi, dispersivi, mondani e altro ancora.

“La sua adesione è oggi una risposta profetica al mondo dello spreco che trova il suo apogeo nel potere dei media, nel mondo egocentrico che incatena le giovani generazioni in una sfera purtroppo illusoria. Veniamo da un anno durante il quale per molti il computer e i social network sono stati l’unico ambiente di vita veramente frequentato: e per molti quell’ambiente è stato anche un’occasione per sviluppare dipendenze a loro volta sintomi di disagi relazionali più o meno profondi, di cortocircuiti interiori e di grandi solitudini.

Approfittando di questa data che ci consente di stare un po’ in compagnia di Pier Giorgio e di pregare con lui, vorremmo chiedergli che ci aiuti e ci illumini a crescere e a camminare nell’amore come lui vi ha camminato. Un amore che sia uno di anima e di corpo, e che abbia il suo centro nel possesso e nel dono di sé, nella relazione con il Signore e nella felicità del dono.” Spiega Don Paolo Asolan. 

“Purezza e carità furono le espressioni più evidenti di questa giovinezza gioiosa di Frassati:… quella purezza che nulla ebbe di scrupoloso, di impacciato e di pavido, ma fu virile e sereno dominio dello spirito sui sensi” scriveva il cardinale G. Lercaro. Siamo sicuri che usando l’apostolato, per Pier Giorgio il più bello, quello della persuasione, egli trascinerà tanti sulla via che anche lui ha percorso e che l’ha portato, come disse s. Giovanni Paolo II, a trasformare la sua vita in una avventura meravigliosa.

Per confermare la adesione si può scrivere a info@piergiorgiofrassati.org o a info@tipiloschi.com 

 

Ti potrebbe interessare