La Santa Sede onora le donne dell' America Latina

Papa Francesco prega davanti alla Madonna di Guadalupe Patrona dell' America Latina
Foto: Aci Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Si avvicina la fatidica data dell’ 8 marzo, giornata che nel mondo ormai è legata alla difesa dei diritti delle donne. Al di là delle celebrazioni modaiole o revanchiste  la Chiesa cattolica  propone delle riflessioni basate sulla realtà della Salavezza che passa proprio per un donna: Maria.

E alla donna come !pilastro nell’edificazione della Chiesa e della società in America Latina” dedicata la Assemblea Plenaria della Pontificia Commissione per l’America Latina, che si svolgerà in Vaticano dal 6 al 9 marzo 2018. Il tema è stato scelto da Papa Francesco.

Il Papa ha sempre messo in luce in particolare in America Latina il ruolo della donna  soprattuto nella trasmissione della fede. A Bogotà  parlando ai vescovi del CELAM disse: “La speranza in America Latina ha un volto femminile! […] “È un serio impegno capire, rispettare, valorizzare, promuovere la forza ecclesiale e sociale di quanto realizzano […]. “Senza le donne la Chiesa del continente perderebbe la forza per rinascere continuamente”.

E proprio l’8 marzo la Pontificia Commissione per L’ America Latina ha invitato una quarantina di donne che svolgono il loro lavoro con differenti incarichi di responsabilità in Vaticano per una cena di omaggio e in amicizia insieme a tutti i partecipanti all’Assemblea. Saranno una rappresentanza delle circa 700 donne che lavorano in Vaticano.

Papa Francesco, ricordano alla CAL,  in Perù  ha segnalato “le radicate situazioni di ingiustizia vissute ancora dalle donne a causa del “maschilismo” nella regione, sia perché abbandonate come madri che, da sole, debbono farsi carico della cura, sostegno ed educazione della prole, sia per le odiose discriminazioni che subiscono in ambito lavorativo e perché su di loro in particolare si riversano le condizioni di povertà e indigenza e ogni tipo di violenza che sfocia anche nei numerosi casi di femminicidio”.

In questa occasione quindi oltre ai membri e consiglieri della CAL, cardinali e vescovi, saranno presenti anche personalità femminili provenienti dall’America Latina, che ricoprono diverse responsabilità sociali ed ecclesiali.

“Il programma prevede quattro conferenze: la Prof.ssa Ana Maria Bidegain sottolineerà “gli ostacoli e i punti di forza per la ‘promozione’ della donna nella realtà latinoamericana; il Prof. Guzmán Carriquiry parlerà delle donne che hanno segnato “la svolta di una trasformazione culturale”; il Cardinale Francisco Robles presenterà il tema “la presenza della Vergine Maria e il ruolo della donna nell’evangelizzazione dei popoli latinoamericani”, e il Cardinale Marc Ouellet, Presidente della CAL, “la donna alla luce del mistero della Trinità e della Chiesa”.

Ci saranno anche una serie di interventi sulla realtà della donna, “pilastro della famiglia e della cura della vita”, come “educatrice e catechista”, nell’ambito del lavoro e della politica, nell’impegno di “solidarietà con i poveri, la cura della casa comune” e “l’edificazione della Chiesa”.

Al termine dell’Assemblea Plenaria, si prevede un’udienza con il Santo Padre Francesco nella mattinata di venerdì 9 marzo.

Ti potrebbe interessare