L'anniversario della conversione di Sant'Ignazio vissuto a Roma

Un pellegrinaggio nella Roma ignaziana

Sant' Ignazio di Loyola
Foto: gesuiti.it
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il 20 maggio del 1521 Ignazio di Loyola, prode cavaliere, veniva ferito e reso zoppo per tutta la vita. Ma da qual giorno la vita fu del tutto nuova per lui. Non avendo altro da fare se non cercare di guarire lesse Leggenda Aurea di Jacopo da Varagine e la Vita di Cristo di Lodolfo Cartusiano. E iniziò la sua conversione. Cento anni dopo, nel 1622 Íñigo diventa Sant' Ignazio e la sua Compagnia di Gesù è diffusa in molte parti del mondo. Ignazio fece il suo "cammino" di conversione e scrisse i suoi Esercizi spirituali in quelle giornate di fatica fisica e spirituale.

Anniversari che ci portano a Manresa, sulle montagne alle spalle di Barcellona, ma anche a Roma, dove Ignazio morì dopo aver avuto la approvazione della sua "Compagnia" da parte di Papa Paolo III che nel 1540 espressamente gli chiese di fondarla. 

I primi tre gesuiti giunsero a Roma nel novembre del 1537. Nel maggio seguente furono raggiunti da sant'Ignazio e dagli altri compagni. Si presentarono a Paolo III per ricevere da lui la "missio", pronti ad andare in qualsiasi parte del mondo. Il Papa li trattenne a Roma e nel settembre del 1540 approvò il nuovo Istituto, la "Compagnia di Gesù".

Roma divenne il cuore dell' Ordine e Ignazio che era stato eletto generale, vi rimase fino alla morte  lavorando e soprattutto scrivendo le oltre seimila lettere della sua corrispondenza.

Viveva in alcune stanze accanto alla chiesetta di Santa Maria della Strada, eppure fondò il Collegio Romano per la preparazione dei giovani al servizio della Chiesa e il Collegio Germanico, per fornire apostoli ai Paesi sottratti a Roma dallo scisma luterano.

E' il 1556 quando Ignazio muore a Roma. La sua Roma, la Roma di Ignazio e dei primi suoi compagni con le case, le chiese, i collegi, i vicoli e le piazze dove operarono.

In " Fontes Narrativi" e "Monumenta Historica S.J." ci sono molte indicazioni per un "cammino romano". 

Ci baseremo sulla " Guida a Roma Ignaziana" pubblicata per i 500 anni della nascita di Ignazio seguendo dei veri e propri itinerari all'interno della città. Da ripercorrere o da seguire con la mente e con la preghiera. 

Ti potrebbe interessare