L'arcivescovo Murad racconta: ecco come sono stato rapito dell' Isis

Padre Jacob come lo chiamano ad Aleppo racconta la sue esperienza e il ruolo dei cristiani per la pace in Siria

Padre Murad
Foto: ACI MENA
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

L'arcivescovo eletto, Jacob Murad, o "Padre" come lo chiamano i suoi parrocchiani, è uno dei siriani feriti e uno dei più grandi testimoni della sua tragedia e guerra, data la sua dolorosa esperienza personale di essere rapito dall'ISIS nel 2015. Nonostante ciò, non si è arreso. Piuttosto, ha portato il messaggio del sacerdote cristiano sul sentiero che termina nel cuore di Dio e nel seno della Sua misericordia, sottolineando che il Santo Vangelo è uno strumento di pace.

In un'intervista esclusiva condotta da "ACI MENA", l'arcivescovo della diocesi di Homs, Hama, Al-Nabek della chiesa siria cattolica, Jacob Murad, ha parlato del suo rapimento, evidenziando la saggezza divina che lo ha salvato dalla morte in modo che potesse completare la sua missione episcopale nel monastero di Mar Musa Al-Habashi:"Sono stato rapito dall'interno del monastero di Mar Elian nella zona di Al-Qaryatayn, e i rapitori mi hanno preso le chiavi della mia auto, dove io e un giovane cristiano della città di Aleppo siamo rimasti legati per quattro giorni senza sapere che cosa ci sarebbe successo" racconta. "In giorno di Pentecoste, sono stato trasferito nella città di Raqqa, e pregavo il Rosario fino in fondo e ascoltavo quella forte voce interiore che mi assicurava che sarei stato rilasciato".

 

Dal 21 maggio all'11 agosto 2015, l'arcivescovo Murad è stato imprigionato dall'ISIS nella città di Raqqa, e sentiva che la sua fine era vicina, ma la pace interiore non lo ha mai lasciato. L'11 agosto dello stesso anno, uno dei jihadisti dell'ISIS lo visitò, chiedendogli: "Sei tu quello che chiamano padre?" Ha risposto affermativamente. Poi, il jihadi gli chiese di prepararsi.

Questo incontro costituiva un doloroso "crocevia" per Murad, a causa della sua estrema confusione, quindi sarebbe stato ucciso? O sarà rilasciato e andrà a controllare i suoi figli? Poi, il jihadista dell'ISIS decise di mandarlo nella città di Tadmur, dove incontrò 250 cristiani della sua parrocchia.

Murad fu sottoposto a una sistematica tortura psicologica, poiché veniva definito infedele e fuorviato, e molti insulti furono diretti contro di lui. Nonostante il costante insulto e umiliazione, non ha restituito il male con il male, spiegando che noi cristiani non viviamo secondo la legge di Hammurabi, "un occhio per occhio e un dente per un dente", ma piuttosto secondo l'amore di Dio.

L'arcivescovo Murad ha sottolineato il ruolo di nostra madre, la Vergine Maria, e la saggezza divina nel suo cammino verso la libertà, dicendo: “La saggezza divina per noi, i discepoli di Cristo, si manifesta nel fatto che facciamo parte di questa società siriana ferita, poiché siamo partecipi del dolore che ogni cristiano, musulmano, o anche dal clero ecclesiastico alla luce Chiese misericordia divina per le anime dei genitori, François Murad e François Vanderlocht, martiri della Chiesa sofferente moderna, e per i vescovi di Aleppo e padre Paolo Dall'Oglio, il cui destino è sconosciuto.

Murad contina: "Qui, il ruolo della Chiesa è evidente nella sua comprensione del suo appello alla solidarietà con i suoi parrocchiani, dal suo membro più piccolo al più anziano di loro, e poi nel suo appello alla solidarietà con il resto dei diversi spettri come un solo popolo che crede in Dio senza eccezioni".

Prima della liberazione dell'arcivescovo Murad, uno dei jihadisti dell'ISIS che provava compassione per lui e per il resto dei prigionieri, ha preso la decisione di mantenere tutti in vita invece di ucciderli in cambio della firma di un accordo per vivere all'interno dei confini dello "Stato islamico" e rendergli omaggio. Rimane un interrogativo: “Perché hanno deciso di tenerci in vita?” Murad  ha chiesto a uno dei jihadisti, che ha risposto: "I cristiani della regione non hanno preso le armi contro lo Stato islamico, e quando hanno perquisito le loro case, non abbiamo trovato una sola arma".

Secondo Murad: “Il messaggio supremo dei cristiani è rappresentato nel portare la pace a tutti coloro che li circondano. Dio ci ha distinto dal resto delle creature con lingua e ragione, e ogni persona cristiana onesta può trovare una risonanza per la sua parola con l'altro senza l'uso di armi o violenza”.

L'arcivescovo Murad non ha dimenticato di ringraziare il suo giovane vicino musulmano, che ha deciso di rischiare la vita per farlo fuggire con la sua moto fuori dall'area di Al-Qaryatayn e liberarlo dalla morsa dell'ISIS: "Ho iniziato a pensare in questo modo posso aiutare tutti i prigionieri e liberarli e farli fuggire dalle mani dell'ISIS? Mi sono messo con tutta la mia fede nelle mani del Signore e della Vergine, e ho pregato che la sua volontà fosse fatta, non la mia, anche se significava la mia morte.

Dopo la sua fuga, Murad ha meditato sull'opera di Dio, che sfrutta persone che non sono necessariamente cristiane per realizzare la sua volontà, come lavora nel cuore di tutte le persone, e tutti sono chiamati alla santità, poiché è un dono divino che il Signore conferisce a chi vuole, ma noi cristiani dobbiamo fare uno sforzo maggiore del resto.

L'arcivescovo Murad sperava che tutti i credenti cristiani avrebbero vissuto il messaggio dell'ascetismo e non si sarebbero aggrappati alle questioni mondane, perché questo distacco ci dà completa libertà. Ha detto: “Il cammino del credente cristiano non finisce se non nel cuore di Dio e nel seno della Sua misericordia. Seguiamolo fino alla croce e alla morte per ottenere il regno celeste e vivere con lui nella felicità eterna, e per liberare i nostri cuori dall'attaccamento alle questioni terrene, poiché dobbiamo respingere la violenza, il male e il male. Viviamo la fede nel Sacro Vangelo e siamo strumenti per diffondere la pace.

Ha elevato le sue preghiere per l'intenzione di tutti i chierici, funzionari, politici e civili, in modo che il Signore concedesse loro una grazia che liberi il cuore dall'aggrapparsi alle questioni materiali e agli interessi personali. Il dialogo e i negoziati che sono accompagnati dalla rinuncia al beneficio personale sono ciò che contribuirà a diffondere la verità e la pace.

L'arcivescovo Murad ha concluso il suo colloquio con "ACI MENA", dicendo che l'obiettivo finale di pubblicare il suo libro "Monk in Captivity", scritto in francese, sta nell'aiutare la comunità europea a conoscere il popolo musulmano e la sua verità. Ha spiegato: "Non tutti i musulmani sono sostenitori dell'ISIS o dei terroristi", sottolineando che la gente in Siria vive in fratellanza da molti anni e che la presenza cristiana in questo paese è continuata ed è ferma nonostante tutti gli eventi che lo hanno afflitto.

L'Istituto Internazionale per il Disarmo ha assegnato all'Arcivescovo Murad il premio "Doves of Peace", che presenta ogni anno a una persona impegnata a portare il messaggio di costruire un mondo libero dalle armi.

Ti potrebbe interessare