Lisbona, Giornata Mondiale della Gioventù 2023: ecco quale sarà il logo

Il logo della Giornata Mondiale della Gioventù Lisbona 2023 viene presentato venerdì 16 ottobre, giorno in cui si celebra l’elezione di San Giovanni Paolo II, fondatore degli incontri internazionali della gioventù

GMG, logo 2023
Foto: GMG Lisbona 2023
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

L'organizzazione della Giornata Mondiale della Gioventù 2023 di Lisbona ha rivelato a tutto il mondo questa mattina, con un evento online, il logo del prossimo incontro internazionale dei giovani cattolici. Oggi è stato lanciato anche il sito web della GMG 2023, disponibile in www.lisboa2023.org. E' stato scelto di pubblicare tutto oggi per ricordare l'anniversario dell'elezione di San Giovanni Paolo II nel 1978. Il Papa polacco è stato il fondatore della GMG nel 1985, un'iniziativa che "ha segnato generazioni in tutto il mondo".

La proposta vincente del logo è stata scelta tramite un concorso internazionale promosso dal Comitato Organizzatore Locale. Hanno partecipato "centinaia di candidati provenienti da 30 paesi di cinque continenti".

Lo "screening iniziale del lavoro" è stato fatto da un team di accademici dell'Università Cattolica Portoghese che ha selezionato 21 proposte. La decisione finale è però stata rimandata al Vaticano, attraverso il Dicastero per i Laici, Famiglia e Vita.

Dopo aver pubblicato il logo, e nel corso di quest’anno, il Comitato Organizzativo Locale insieme alle Diocesi portoghesi sta preparando una serie di iniziative divulgative basate sul tema “Maria si alzò a andò in fretta” (Lc 1,39). Queste iniziative di mobilitazione della gioventù si svolgeranno a livello locale.

Un comunicato stampa diffuso dalla Sala Stampa della Santa Sede descrive il logo: "Il nuovo logo della WYD Lisbona 2023 sul tema “Maria si alzò e andò in fretta” (Lc, 1,39) ha la Croce come elemento dominante. La Croce è attraversata da una strada dove sorge lo Spirito Santo. È un invito rivolto ai giovani a non rimanere fermi ma a chiedere loro di essere i protagonisti della costruzione di un mondo più giusto e fraterno. I colori (verde, rosso e giallo) evocano la bandiera portoghese".

Spiegati tutti i simboli: "La Croce di Cristo, segno dell’infinito amore di Dio per l’Umanità, è l’elemento principale, dal quale ogni cosa ha origine. Il passo della Visitazione è il tema della WYD Lisbona 2023 e ci indica che Maria era pronta a vivere secondo la volontà di Dio, disponibile al servizio nei confronti di Elisabetta. Questo movimento sottolinea l’invito rivolto ai giovani a rinnovare la loro “forza interiore, i loro sogni, l’entusiasmo, la speranza e la gratitudine” (“Christus Vivit 20). Ad accompagnare il cammino c’è un’illustrazione che evoca lo Spirito Santo".

"La scelta del Rosario celebra la spiritualità del popolo portoghese nella sua devozione a Nostra Signora di Fatima. Il Rosario è posto sul cammino per ricordare l’esperienza del pellegrinaggio che ha tanta importanza in Portogallo. Maria è raffigurata come una giovane per rappresentare la figura del Vangelo di San Luca (Lc 1,39) e per rafforzare una maggiore identificazione con i giovani. Il disegno esprime la giovinezza dei suoi anni, caratteristica di chi non è ancora madre, ma che porta la luce del mondo dentro di sé. Tale raffigurazione presenta una leggera inclinazione per mostrare l’atteggiamento entusiastico della Vergine Maria", dice ancora la nota ufficiale.

L'autrice è Beatriz Roque Antunez, una giovane designer portoghese di 24 anni. Ha studiato design a Londra e attualmente lavora in un’agenzia di comunicazione a Lisbona. “Secondo il tema della WYD Lisbon 23 - afferma l’autrice - Maria non rimane immobile ma decide di far visita alla cugina. È l’invito rivolto ai giovani a non rimanere fermi, a fare in modo che qualcosa accada, a costruire il mondo e non abbandonarlo nelle mani degli altri. Tutti abbiamo bisogno che i giovani prendano il mondo nelle proprie mani afferma la vincitrice del concorso che ha scelto il logo WYD.

La prima edizione della GMG si è svolta nel 1986 a Roma, e da allora la GMG ha attraversato le seguenti città: Buenos Aires (1987), Santiago de Compostela (1989), Czestochowa (1991), Denver (1993), Manila (1995), Parigi (1997), Roma (2000), Toronto (2002), Colonia (2005), Sydney (2008), Madrid (2011), Rio de Janeiro (2013), Cracovia (2016) e Panama (2019).

 

Ti potrebbe interessare